I dati Covid in Italia del 18 gennaio (ministero della Salute)
I dati Covid in Italia del 18 gennaio (ministero della Salute)

Roma, 18 gennaio 2021 - Netto calo, come ogni lunedì, dei nuovi contagi di Coronavirus in Italia. E' quanto emerge dal bollettino odierno del ministero della Salute, da cui risulta anche un minor numero di test. Non manca poi la preoccupazione per la diffusione anche nel nostro Paese della variante inglese del Covid: a Guardiagrele, paese di 8.800 abitanti in provincia di Chieti, sono già 111 i casi accertati. "Cominciano a esserci segni della presenza. Cominciamo a vedere alcune situazioni, dei Comuni con focolai significativi", dice il virologo dell'università degli Studi di Milano, Fabrizio Pregliasco. Intanto oggi oltre 640mila studenti delle scuole superiori di quattro regioni sono rientrati in classe, mentre continua a tenere banco la decisione di Pfizer di ridurre del 29% le consegne dei vaccini. La campagna di vaccinazione "sta andando bene ma ora vi è il problema della consegna di alcune dosi Pfizer e le Regioni devono tenere delle riserve per le seconde dosi", ha detto il viceministro Pierpaolo Sileri. La Regione Lazio, dal canto suo, ha comunicato che la somministrazione agli over 80 del suo territorio inizierà il 1° febbraio.

Vaccini, Moratti: "Ripartizione anche in base al Pil della Regione"

Infine il virus continua la sua corsa anche nel resto del mondo. Da segnalare un focolaio a St. Moritz, dove le autorità svizzere hanno messo in quarantena due hotel e chiuso tutte le scuole di sci. Da domani inizieranno i test di massa sui 5.200 abitanti della cittadina.

Il bollettino del 18 gennaio

Sono 8.824 i nuovi casi positivi di Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Italia (ieri i positivi erano stati 12.415).  I tamponi, come sempre il lunedì sono in numero ridotto, 158.674 (53mila in meno rispetto a ieri), ma il tasso di positività - che dal 15 gennaio si calcola comprendendo anche i test rapidi antigenici - scende per il secondo giorno di fila al 5,56% (ieri 5,9). I decessi sono 377, stesso numero di ieri, per un totale di 82.554 vittime dall'inizio dell'epidemia. Dopo diversi giorni di calo, tornano a crescere le terapie intensive, +41 (ieri -17), con 142 ingressi giornalieri, e sono 2.544 in tutto. Ancora in diminuzione invece i ricoveri ordinari, -127 (ieri -27), che scendono a 22.884. 

La Regione con più casi giornalieri è la Sicilia (+1.278), seguita da Lombardia (+1.189), Emilia Romagna (+1.153), Veneto (+998) e Lazio (+872). I casi totali sono 2.390.101. I guariti sono 14.763 (ieri 16.510), per un totale di 1.760.489. Ancora in calo il numero delle persone attualmente positive: 6.316 in meno (ieri -4.343), 547.058 in tutto. Di questi, 521.630 sono in isolamento domiciliare, 6.484 meno di ieri.

La tabella con tutti i numeri

Lombardia in guerra contro la zona rossa. Il lockdown costa miliardi all’economia

Dpcm 16 gennaio, seconde case e spostamenti: le precisazioni del Viminale

Zona rossa, arancione e gialla. Regole e cosa si può fare: faq e autocertificazione

Pfizer, la multinazionale che ha tenuto testa a Trump

Le regioni / Sicilia

Con 1.278 nuovi positivi la Sicilia è oggi la regione che registra più casi giornalieri (il dato complessivo dall'inizio della pandemia tocca così quota 122.007. I decessi sono invece 38 per un totale di 3.027. In leggero calo i ricoveri in terapia intensiva (205, -3 rispetto a ieri). Le persone dichiarate guarite sono state 780. Nella regione al momento ci sono 46.885 positivi (45.236 dei quali in isolamento domiciliare).  I tamponi, tra rapidi e molecolari, sono 39.776.

Lombardia

Con 16.338 tamponi effettuati (di cui 13.966 molecolari e 2.372 antigenici), sono 1.189 i nuovi casi in Lombardia con il tasso di positività in crescita al 7,2% (ieri 6.3%). Continuano a diminuire i ricoverati sia nelle terapie intensive (-3, 449) sia negli altri reparti (-57, 3.553). I decessi sono 45 per un totale complessivo di 26.282 morti in regione dall'inizio della pandemia. I guariti/dimessi sono 3.722. Per quanto riguarda le province sono 319 i nuovi casi a Varese, 256 nella città metropolitana di Milano di cui 117 a Milano città, 186 a Brescia,155 a Como.

Vaccini, Moratti: "Ripartizione anche in base al Pil della Regione"

Emilia Romagna

In Emilia Romagna si sono registrati 1.153 positivi in più rispetto a ieri (il totale raggiunge così 203.141) a fronte di 9.980 tamponi (8.736 molecolari e 1.244 antigenici rapidi) eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è dell'11,5%.  Purtroppo, si registrano 51 nuovi decessi (8.797 il totale dall'inizio della pandemia). I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 54.230 (-601 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 51.428 (-640). I pazienti ricoverati in terapia intensiva invece sono 238 (+4 rispetto a ieri), 2.564 quelli negli altri reparti Covid (+35).  

Veneto

Il Veneto scende dopo mesi sotto la quota dei mille nuovi contagi giornalieri, esattamente 998 nelle ultime 24 ore. Anche i decessi sono in caso deciso: 47 rispetto a ieri, che fanno però superare alla regione la quota di 8.000 vittime dall'inizio dell'epidemia, il 21 febbraio dello scorso anno. Secondo il bollettino della Regione scende anche la pressione sugli ospedali, ma solo per i ricoveri in area non critica, 2.661 (-54), mentre restano stabili a quota 354 i pazienti ricoverati nelle terapie intensive degli ospedali del Veneto. 

Lazio 

Oggi su quasi 10mila tamponi nel Lazio (-1.188) e oltre 5mila antigenici per un totale di oltre 15 mila test, si registrano 872 positivi (-371), 16 vittime (-5) e +1.021 i guariti. "Diminuiscono i casi e i decessi, mentre aumentano i ricoveri e le terapie intensive", sottolinea l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato. "Il rapporto tra positivi e tamponi è a 8%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale scende a 5% - aggiunge -. I casi a Roma città scendono a quota 400". 

Roma, positivo il giallorosso Zaniolo

Puglia

Pochi test e anche pochi positivi al Covid19 nelle ultime 24 ore in Puglia. Sono 403 le nuove infezioni registrate su 3,065 test effettuati come riferisce la Regione, di queste 175 solo in provincia di Bari. Sono stati registrati 26 decessi, mentre sono 51443 i pazienti guariti, quasi 1000 in più (ieri 50458). I casi attualmente positivi sono 55.512 contro i 56.120 di ieri. I ricoverati sono 1.541 in lieve diminuzione rispetto ieri quando erano 1545.

Toscana

In Toscana sono 345 i positivi al Coronavirus in più rispetto a ieri, su un totale, da inizio epidemia, pari a 128.197 unità. L'età media dei 345 nuovi positivi odierni è di 49 anni circa. Oggi sono stati eseguiti 5.057 tamponi molecolari e 1.837 tamponi antigenici rapidi, di questi il 5% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono 8.333, +1,6% rispetto a ieri. Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid sono complessivamente 845 (29 in più rispetto a ieri, più 3,6%), 125 in terapia intensiva (7 in più rispetto a ieri, più 5,9%).  E si sono registrati altri 22 morti (15 uomini e 7 donne), che portano il totale dei deceduti a 3.994. Complessivamente sono 7.488 le persone in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi o ne sono prive (+100).. 

Marche

Nelle ultime 24 ore rilevati 157 positivi nelle Marche ma su poco più di un terzo di nuove diagnosi rispetto al giorno precedente (1.454 rispetto a 4.147) quando c'erano stati 440 casi. Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nell'ultima giornata sono stati testati "2.340 tamponi: 1.454 nel percorso nuove diagnosi (di cui 984 nello screening con percorso Antigenico) e 886 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 10,8%)". Tra i 984 test rapidi eseguiti nel Percorso Screening Antigenico, riscontrati 22 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 2%" Quanto ai positivi da tampone molecolare, 62 sono stati riscontrati in provincia di Ancona, 37 in provincia di Ascoli Piceno, 25 nel Maceratese, 17 nel Fermano e 13 in provincia di Pesaro Urbino. I casi comprendono 22 soggetti con sintomi.

Friuli Venezia Giulia

In Friuli Venezia Giulia su 1.596 tamponi molecolari sono stati rilevati 120 nuovi contagi con una percentuale di positività del 7,52%. Sono inoltre 397 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 33 casi (8,31%). I decessi registrati sono 21; (il totale sale a 2.113)  restano stabili i ricoveri nelle terapie intensive (63) mentre quelli in altri reparti sono 680. Dall'inizio della pandemia in regione sono risultate positive complessivamente 60.919 persone.

Le altre regioni

La Sardegna registra altri 136 casi e 4 decessi nelle ultime 24 ore. Sono invece 256 i nuovi positivi in Calabria, dove si registrano altre 4 vittime. In Liguria, invece, il numero dei morti legati al Covid sono 12, mentre i nuovi contagi sono 263. In Abruzzo i nuovi casi sono 107 a fronte di 6.522 tamponi, mentre i morti sono 8.

Gli efffetti del Dpcm di Natale

La settimana conclusa ieri ha registrato la riduzione del 24% di nuovi casi e di circa il 21% degli ingressi nelle unità di terapia intensiva, oltre alla riduzione del 13% dei decessi: è quanto emerge dall'analisi settimanale condotta dal fisico Giorgio Sestili secondo il quale "finalmente si vedono gli effetti del Dpcm Natale". Per il coordinatore del Comitato tecnico scientifico, Agostino Miozzo, "al momento la curva sembra sotto controllo. I risultati sono evidenti, non abbiamo avuto la curva che altri paesi hanno avuto".