Roma, 22 ottobre 2021 - Il bollettino Covid odierno continua a registrare un numero abbastanza elevato di nuovi contagi, vicini a toccare quota 3.900. I dati di ministero della Salute e Protezione civile fotografano un numero di decessi relativamente basso e una situazione stabile dal punto di vista della pressione ospedaliera: le terapie intensive diminuiscono di 13 unità, i ricoveri aumentano di 4. Il tasso di positività è stabile a 0,8%, +0,1% rispetto a ieri. "L'Italia - ha detto Silvio Brusaferro, presidente dell'Iss - è in una situazione di controllo della pandemia rispetto ad altri Paesi europei, dove invece si registra una risalita della positività". Brusaferro ha discusso l'ultimo aggiornamento del monitoraggio settimanale Covid promosso proprio dall'Istituto superiore di sanità. L’incidenza settimanale a livello nazionale è in lieve risalita: 34 per 100.000 abitanti, considerando il periodo dal 15/10/2021 al 21/10/2021. Si trova al di sotto della soglia settimanale di 50 casi ogni 100.000 abitanti, livello che potrebbe consentire il controllo della trasmissione basato sul contenimento. L'indice di trasmissibilità nel periodo dal 29 settembre al 12 ottobre 2021 è stato pari a una media di 0,86, in leggero aumento rispetto alle settimane precedenti. In calo la pressione ospedaliera rispetto ai giorni scorsi: il tasso di occupazione delle terapie intensive, calcolato al 19 ottobre, è al 3,9%, con una lieve diminuzione del numero di persone ricoverate da 370 (12/10/2021) a 355 (19/10/2021).

Covid Italia, il bollettino del 22 ottobre 2021

Sommario

Continua a essere l'alta l'attenzione sulla situazione pandemica a livello europeo e mondiale: in Germania, per esempio, sono balzati a 19.572 i nuovi casi. Ieri in Italia, secondo dati ministeriali, sono stati scaricati in totale 820.678 Green pass, cifra in calo rispetto a mercoledì (981mila). Dei certificati scaricati, la maggioranza, 607.330, deriva da tampone negativo mentre solo 210.077 sono per avvenuta vaccinazione. Complessivamente, nella giornata di ieri, sono state emesse 104.691.447 certificazioni. Dando invece uno sguardo al fronte vaccini: nell'ultima settimana, in Italia, sono stati somministrati in totale 1.269.160 vaccini anti-Covid, di cui circa 345mila prime dosi, sono 88.360.760 dall'inizio della campagna vaccinale. Sono ancora 7 milioni e 600mila gli italiani senza neanche la prima inoculazione: le fasce 30-39 anni e 40-49 anni sono quelle in cui si registra il maggior numero di persone non ancora immunizzate (rispettivamente il 17,75% e il 17,52%), oltre alla fascia tra 12 e 19 anni. Molto alta, invece, la percentuale dei vaccinati tra i 20 e i 29 anni: l'80,53% ha fatto entrambe le dosi. Rispetto ai dati del monitoraggio è intervenuto il virologo Fabrizio Pregliasco su Rai Radio 1: "Temo sia quanto dicevamo in tanti in questi giorni, e cioè la possibilità purtroppo che ci sia un colpo di coda del virus facilitato dalle aperture e da momenti di nuova normalità".

Sebastiani (Cnr): in Italia tutte le curve in crescita

Sono in crescita in Italia tutte le curve relative all'epidemia di Covid-19, compresa quella dei decessi, indica l'analisi del matematico Giovanni Sebastiani, dell'Istituto per le Applicazioni del Calcolo 'M.Picone', del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr). "Come già rilevato la scorsa settimana, da 12-14 giorni fa si osserva un trend di crescita delle curve dei positivi totali, della percentuale dei positivi ai test molecolari e degli ingressi giornalieri in terapia intensiva; da circa una settimana - dice Sebastiani - si nota un trend di crescita, seppur lieve, della curva dei decessi". Secondo l'esperto "l'aumento dei test per effetto dell'obbligo del Green pass non fornisce il contributo prevalente alla crescita delle curve, poiché la vediamo anche sulla percentuale dei positivi ai test molecolari, sugli ingressi giornalieri in terapia intensiva e sui decessi". I calcoli di Sebastiani indicano inoltre che "prima del minimo della curva media dell'incidenza dei positivi totali, localizzato all'11 ottobre, la curva decresceva linearmente, ma a partire dal 26 settembre la velocità di decrescita era diminuita rispetto alle settimane precedenti". Il matematico osserva inoltre che "questa frenata della discesa è avvenuta 12 giorni dopo l'inizio dell'attività scolastica (14 settembre), quando la copertura vaccinale della fascia 0-19 anni era anche più bassa del pur non alto valore attuale pari a circa il 29%". Lo scorso anno, prosegue, "si verificò un fenomeno analogo, ma all'inizio dell'attività scolastica la curva era in crescita lineare e dopo 14 giorni circa passò a crescita esponenziale. Quest'anno, invece, all'inizio dell'attività scolastica, la curva scendeva linearmente e c'è da considerare anche l'effetto dei vaccini: il tutto ha portato ad un'inversione di tendenza da decrescita a crescita della curva dopo 27 giorni circa dall'inizio dell'attività scolastica".

Il bollettino del 22 ottobre 2021

Prosegue, lenta, la crescita della curva epidemica in Italia, come sta succedendo da alcuni giorni. I nuovi casi nelle ultime 24 ore sono 3.882 contro i 3.794 di ieri. In calo il numero dei tamponi, 487.218 (ieri 574.671), con un tasso di positivita' che passa a 0,8% (ieri 0,7%). I decessi sono 39 (ieri 36), per un totale di 131.763 vittime dall'inizio dell'epidemia. Ancora sostanzialmente stabili i ricoveri: le terapie intensive scendono di 13 unita' rispetto a ieri e sono 343 con 22 ingressi del giorno, mentre i ricoveri ordinari sono 4 in più (ieri -25) e sono 2.443 in tutto. È quanto emerge dal bollettino quotidiano del ministero della Salute. La regione con più casi odierni è la Campania (+450), seguita da Lazio (+408), Sicilia (+400), Lombardia (+381) e Veneto (+381). I casi totali sono 4.733.557. I guariti sono 3.861 (ieri 3.673) per un totale di 4.528.065. In calo il numero degli attualmente positivi, 21 in meno (ieri 82 in piu'), e sono 73.729. Di questi, sono in isolamento domiciliare 70.943 pazienti.

Regioni / Campania

In Campania, nelle ultime 24 ore, si sono registrati 450 positivi al Coronavirus, e 8 decessi nelle ultime 48 ore. I tamponi processati ieri sono 24.350. Il report posti letto su base regionale riporta 656 posti letto di terapia intensiva disponibili, di cui 21 occupati mentre i posti letto di degenza disponibili, tra posti letto Covid e offerta privata 3.160, di cui 186 occupati.

Lazio

"Oggi nel Lazio su 9.700 tamponi molecolari e 25.177 tamponi antigenici per un totale di 34.877 tamponi, si registrano 408 nuovi casi positivi (-23), 4 i decessi (-2), 312 i ricoverati (-1), 49 le terapie intensive (-1) e 351 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 1,1%. I casi a Roma città sono a quota 134". Lo rende noto l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato, che sottolinea: "Rispetto alla scorsa settimana Rt in lieve discesa a 0,85 e l'incidenza in lievissimo rialzo a 34,89 su 100mila abitanti".

Sicilia

Sono 6 i morti per Coronavirus registrati oggi in Sicilia. I contagi sono 400, per un totale di 6.695 attuali positivi. I guariti/dimessi sono 381. I ricoverati in terapia intensiva sono in tutto 44, incluso un nuovo ingresso.

Veneto

Sono 381 i positivi a Coronavirus in Veneto nelle ultime 24 ore, si registra anche un decesso, a fronte di 13.944 tamponi molecolari e 66.998 tamponi antigenici eseguiti. Sono 476.420 i positivi totali da inizio della pandemia, i decessi salgono con oggi a 11.815, mentre gli attuali positivi sono 9.053, i ricoverati positivi sono 165.

Lombardia

Continuano a diminuire i ricoverati nelle terapie intensive (-2) e nei reparti (-2). A fronte di 97.653 tamponi effettuati, sono 381 i nuovi positivi (0,3%). Nessun nuovo caso a Como. I tamponi effettuati in totale sono 97.653, da inizio pandemia sono 16.555.216. La terapia intensiva perde 1 letto e rimane con 51 posti, mentre i ricoverati in non-intensiva scendono di 2 e diventano 274 (-2). Il totale dei decessi arriva a 34.135, sono 4 le vittime tra ieri e oggi. I nuovi casi per provincia sono: Milano: 141 di cui 73 a Milano città; Bergamo: 27; Brescia: 55; Como: 0; Cremona: 28; Lecco: 5; Lodi: 3; Mantova: 11; Monza e Brianza: 8; Pavia: 23; Sondrio: 4; Varese: 34.

Emilia-Romagna

Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 429.090 casi di positività, 315 in più rispetto a ieri, su un totale di 28.583 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è dell'1,1%. La situazione dei contagi nelle province vede Ravenna con 74 nuovi casi, seguita da Bologna (62) e Modena (49); poi Forlì (26), Rimini (23) e Cesena (21). Quindi, Piacenza (17), Parma (15), Reggio Emilia (14) e il Circondario Imolese e Ferrara (entrambe con 7 casi). Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 13.203 tamponi molecolari, per un totale di 6.066.285. A questi si aggiungono anche 15.380 tamponi rapidi. Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 922 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 404.376. I casi attivi, cioè i malati effettivi, oggi sono 11.166 (-609). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 10.849 (-612), il 97,1% del totale dei casi attivi. Si registrano due decessi.

Piemonte

In Piemonte oggi ci sono stati 278 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 102 dopo test antigenico), pari allo 0,5% di 60.535 tamponi eseguiti, di cui 54.400 antigenici. Dei 278 nuovi casi, gli asintomatici sono 150 (54%). I casi sono 123 di screening, 115 contatti di caso, 40 con indagine in corso. Il totale dei casi positivi diventa quindi 386.990. I ricoverati in terapia intensiva sono 19 (+1 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 176 (- 4 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 3.446. I tamponi diagnostici finora processati sono 7.887.064 (+ 60.535 rispetto a ieri), di cui 2.323.614 risultati negativi. Due decessi di persone positive al test del Covid-19, il totale diventa quindi 11.802 deceduti risultati positivi al virus.

Toscana

In Toscana sono 286.946 i casi di positività al Coronavirus, 277 in più rispetto a ieri (270 confermati con tampone molecolare e 7 da test rapido antigenico). I nuovi casi sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 274.638 (95,7% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 8.718 tamponi molecolari e 20.314 tamponi antigenici rapidi, di questi il 1% è risultato positivo. Sono invece 8.487 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 3,3% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 5.063, -0,1% rispetto a ieri. I ricoverati sono 235 (3 in più rispetto a ieri), di cui 22 in terapia intensiva (stabili). Oggi si registrano 3 nuovi decessi.

Puglia

L'1% dei 20.532 test processati in Puglia per accertare l'infezione da coronavirus ha dato esito positivo. Si tratta di 210 nuovi casi di contagio, di cui più di un terzo rilevato in provincia di Foggia dove si contano 60 malati Covid in più rispetto a ieri. Seguono per nuove positività riscontrate le province di Lecce con 53, Taranto con 39, Brindisi con 30, Bari con 22 e Bat con 3. Di altri tre casi non è nota la provincia di residenza. Gli attualmente positivi sono 2.160, di cui 127 ricoverati in area non critica covi e 16 in terapia intensiva. Le vittime del virus sono tre mentre il totale dei guariti sale a 262.141 unità.

Calabria

Sono 145, per il secondo giorno consecutivo - ma con un numero maggiore di tamponi, 5.200 - i nuovi contagi riscontrati nelle ultime 24 ore in Calabria. Il tasso di positività dal 3,28 scende al 2,79%. Un decesso in più che porta il totale delle vittime a 1.437. Da registrare un ricovero in meno nei reparti di cura (77) e uno in più nelle terapie intensive (8). I guariti aumentano di 87 unità (81.931) e gli attualmente positivi sono in totale 2.824 (+57). E ci sono anche 57 nuovi isolati a domicilio (2.739). In Calabria, ad oggi il totale dei tamponi eseguiti sono stati 1.266.333. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 86.192.

Friuli Venezia Giulia

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 4.692 tamponi molecolari sono stati rilevati 125 nuovi contagi, e su 16.996 test rapidi antigenici sono stati rilevati 13 casi: il totale dei nuovi positivi è 138. Nella giornata odierna non si registrano decessi; sono 7 le persone ricoverate in terapia intensiva mentre scendono a 50 i pazienti ospedalizzati in altri reparti. I totalmente guariti sono 110.430, i clinicamente guariti 27 e 1.045 le persone in isolamento. Dall'inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 115.400 persone (il totale dei casi positivi è stato ridotto di 2 unità a seguito di due test positivi rimossi dopo la revisione dei casi relativi alla provincia di Udine).

Marche

Due vittime, 116 nuovi contagi ed un ricovero in più nelle Marche. Le persone decedute da inizio emergenza sono 3.094 e nel 97,2% dei casi presentavano patologie pregresse. I contagi oggi sono saliti a 115.324 (+116) di cui 110.222 dimessi/guariti (+99), 1.953 in isolamento domiciliare (-40) e 55 ricoverati (+1). I pazienti in terapia intensiva restano 10 (sette a Pesaro Marche Nord, due ad Ancona Torrette e uno a San Benedetto del Tronto), quelli in semi intensiva 14 (13 a Marche Nord ed uno a Macerata) mentre quelli in reparti non intensivi passano da 30 a 31 (cinque a Marche Nord di cui uno in ostetricia, 20 al Torrette di cui due in ostetricia e sei a Fermo).

Le altre regioni

In Basilicata oggi si contano 12 nuovi contagi e in Molise 11. L'Alto Adige ha avuto 57 nuovi casi nelle ultime 24 ore e nessun decesso, l'Abruzzo 92 nuovi positivi e un decesso. In Sardegna ci sono stati 24 nuovi contagi e una vittima da Covid, la Valle d'Aosta registra solo 2 nuovi positivi mentre in Umbria sono 67 con un morto. Il Trentino ha avuto 36 nuovi positivi nelle ultime 24 ore, e un decesso. La Liguria oggi ha registrato 86 nuovi contagi.