custom logo
Leclerc p1, Sainz p2: come sopravvivere?Leo Turrini - 28 maggio 2022
Leclerc primo. Sainz secondo. Prima fila tutta Rossa a Montecarlo. Il risultato del sabato si commenta da solo. Il vero problema è un altro, almeno per me. Come sopravvivere dalle 15 di domenica in poi? Offro, a titolo puramente gratuito, alcuni suggerimenti. Staccate tutto, tv cellulare bla bla bla. Uscite come eroi randagi camminando su […]

Leclerc primo.
Sainz secondo.
Prima fila tutta Rossa a Montecarlo.
Il risultato del sabato si commenta da solo.
Il vero problema è un altro, almeno per me.
Come sopravvivere dalle 15 di domenica in poi?
Offro, a titolo puramente gratuito, alcuni suggerimenti.
Staccate tutto, tv cellulare bla bla bla. Uscite come eroi randagi camminando su sentieri fluviali abbandonati. Rischiate di imbattervi in disgraziati che vi diranno che Tsunoda è clamorosamente in testa, mentre Hamilton ha sorprendentemente staccato Russell e Sainz ha colpito di testa il lolly pop di un meccanico della Haas.
Oppure andate sul sito Facebook del mio amico Giorgio Ghirardini: troverete un video di dieci minuti sulla mia meravigliosa serata Fioranese con Montezemolo e Forghieri. C’era un delirio di gente! Sul sito FB di Luigi Giuliani trovate anche le foto.
Altra soluzione: se nutrite un sentimento religioso, entrate in qualunque luogo sacro, pensate a Santa Devota e accendete un cero.
Se vi serve un indizio sull’andamento del Gran Premio, noleggiate un drone munito di telecamera e sorvolate il palazzo Sky di Rogoredo. Se sulla terrazza notate un pazzo che fuma nervosamente, sono io e se sono lì significa che Leclerc è ancora in testa e che Fabio TAVELLI, con me il papà di Race Anatomy, mi ha autorizzato a scappare dalla sala riunioni.
Non scartate nemmeno l’ipotesi memoria: abbandonatevi sul divano e guardate il Gp di Montecarlo del 1997, il primo vinto da Schumi con la Ferrari. Vostra moglie transiterà in zona e vi dirà, ignara dell’immobile trucco: oh, ma la Ferrari va proprio forte, te lo avevo detto che la vittoria era scontata. Sorridete con finta disinvoltura, sperando non si accorga che Irvine è tornato a correre.
In alternativa, studiatevi il tracciato di Watkins Glen e chiedetevi come se la caverà KR7 in Nascar.
Ulteriore opzione, le parole crociate. Uno orizzontale, quattro lettere, una vittima del Lupo. Soluzione: Masi.
Oh, lo so, lo so.
Non faremo, non farete nulla del genere.
Alle 15 in punto saremo tutti lì, con salivazione azzerata, battito accelerato e la voglia di crederci.
Ancora e sempre.