custom logo
Austin e le due veritàLeo Turrini - 21 ottobre 2021
Austin per me emotivamente significa l’ultimo hurra di Kimi Raikkonen. Tra l’altro era sempre ottobre quando KR7 vinse il mondiale a Interlagos. Pace. Austin adesso deve darci due risposte. La prima è quella che più mi sta a cuore. L’incoraggiante impressione suscitata tra Russia e Turchia dal nuovo ibrido Ferrari sarà confermata su uno dei […]

Austin per me emotivamente significa l’ultimo hurra di Kimi Raikkonen.
Tra l’altro era sempre ottobre quando KR7 vinse il mondiale a Interlagos.
Pace.
Austin adesso deve darci due risposte.
La prima è quella che più mi sta a cuore.
L’incoraggiante impressione suscitata tra Russia e Turchia dal nuovo ibrido Ferrari sarà confermata su uno dei tracciati più belli del campionato?
Per ora posso solo dire che Carletto e Carlitos sono cautamente fiduciosi.
Forse hanno visto una luce in fondo al tunnel e sperano non sia quella di un treno lanciato in direzione ostinata e contraria.
Poi c’è la faccenda zeru tituli.
Hamilton versus Verstappen.
I progressi di motore Mercedes hanno alimentato i sospetti Red Bull, come disse il bue dando del cornuto all’asino.
Se in Texas l’olandese restasse di nuovo dietro a Bottas, vorrebbe dire che per lui butta male.