Martedì 28 Maggio 2024

L'Ue propone di 'superare' la Brexit, almeno per i giovani

Un'intesa sulla libertà di movimento per chi ha tra 18 e 30 anni

L'Ue propone di 'superare' la Brexit, almeno per i giovani

L'Ue propone di 'superare' la Brexit, almeno per i giovani

La Commissione Ue ha proposto di aprire i negoziati con il Regno Unito per consentire la mobilità di cui godevano prima della Brexit milioni di giovani tra i 18 e i 30 anni. Per avviare colloqui a riguardo si procederà adesso ad ottenere la l'approvazione dei singoli leader dell'Ue, un percorso che potrebbe portare ad eliminare in parte uno degli elementi più controversi della Brexit, ovvero il blocco di fatto al diritto di vivere gli uni negli altri Paesi, anche se per un periodo limitato e date specifiche condizioni. Lo rende noto il Guardian. Riferendosi all'accordo commerciale post-Brexit sull'Irlanda del Nord, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha dichiarato: "Da quando è in vigore l'accordo di Windsor, il rapporto è stato molto più costruttivo. Ci sono certamente temi su cui possiamo avere una collaborazione più stretta e il tema della mobilità giovanile è nell'interesse di entrambi perché più la mobilità giovanile è possibile su entrambi i lati del canale, più aumentano le possibilità di mantenere buoni rapporti grazie al fatto che le prossime generazioni saranno in grado di conoscersi". Secondo l'accordo proposto, i cittadini Ue e del Regno Unito di età compresa tra i 18 e i 30 anni potranno soggiornare fino a quattro anni nel Paese di destinazione, ha affermato la Commissione europea in una dichiarazione dettagliata. Se concordato, un visto per il programma di mobilità giovanile verrebbe rilasciato nei Paesi che partecipano, con possibili condizioni tra cui l'obbligo di un'assicurazione sanitaria e la prova di fondi di sussistenza sufficienti, così come previsto per altri programmi di mobilità in tutto il mondo. "L'obiettivo sarebbe facilitare gli scambi giovanili, rendendo più facile per i giovani cittadini dell'Ue viaggiare, lavorare e vivere nel Regno Unito, con reciprocità per i giovani cittadini britannici in uno Stato membro", ha affermato ancora la Commissione.