Commerciante ucciso, due arrestati mentre scappano in Brasile

Fermati in aeroporto Bologna, sono fratelli. Omicidio per rapina

Stavano per fuggire in Brasile dall'aeroporto di Bologna i due fratelli brasiliani di 19 e 24 anni arrestati dalla polizia come presunti assassini del commerciante iraniano Safei Chaikar Kiomars, 72 anni, trovato ucciso il 30 novembre nella sua abitazione di Firenze. Lo ha spiegato ai cronisti in una conferenza stampa il procuratore capo Filippo Spiezia aggiungendo che i due sono stati fermati dalla Polaria per un controllo dei documenti da cui è emerso che erano irregolari in Italia. Poi, appurata la situazione, la polizia li ha trasferiti a Firenze dove sono stati sottoposti a fermo di indiziato di delitto con le accuse di omicidio aggravato dal fine di rapina e quella di rapina aggravata. I due fratelli indagati sono uno dipendente, l'altro ex dipendente del banco ambulante al mercato della Loggia del Porcellino di cui era titolare il commerciante 72enne. Previsto domani l'interrogatorio di garanzia davanti al giudice per le indagini preliminari.