Dusan Vlahovic (Germogli)
Dusan Vlahovic (Germogli)

Firenze, 8 maggio 2021 - Una vittoria che vale una salvezza: la Fiorentina sfata il tabù Lazio, una delle squadre contro cui ha il peggior trend nelle partite in casa, e mette un'ipoteca sulla permanenza in Serie A, ormai solamente una questione di aritmetica. Passo falso pesante invece per la Lazio che a parità di giornate non riesce a rimanere a stretto contatto con le prime quattro. Decide la doppietta di Vlahovic che è a tutti gli effetti l'uomo copertina della stagione viola.

Primo tempo

La Lazio inizia facendo la partita ma si espone a diversi contropiedi: i biancocelesti creano i maggiori pericoli con delle verticalizzazioni per Immobile che però si fa trovare sempre impreparato davanti a un Dragowski in giornata di grazia. L'occasione principale della Lazio arriva con una progressione di Lazzari a destra e con il pallone che arriva a Joaquin Correa, fermato da un miracolo del portiere polacco autore di una prova complessivamente straordinaria. La Fiorentina approfitta della scarsa concretezza della Lazio e punisce già nel primo tempo quando Castrovilli esce fortunosamente vincitore da un rimpallo, serve Biraghi che mette a Vlahovic un pallone solo da appoggiare in porta. 

Secondo tempo

Nella ripresa la Lazio si innervosisce e comincia a commettere tantissimi falli tanto che si ritrova una quantità incredibile di giocatori ammoniti (a fine gara verrà espulso Andreas Pereira). I biancocelesti provano ad alzare i ritmi ma senza convinzione e con pochissime occasioni chiare da gol. La Fiorentina invece rimane compatta dietro e si fa trovare pronta nel finale quando sugli sviluppi di un corner trova il raddoppio ancora con Vlahovic che di testa sancisce la vittoria viola. Quota 21 gol in campionato per il serbo, che sigilla la sua splendida stagione con i gol salvezza: manca solo l'aritmetica che però potrebbe arrivare già nel prossimo turno. La Lazio invece frena e rischia di perdere il treno Champions.

Leggi anche - Festa Scudetto per l'Inter contro la Sampdoria