La protesta dei lavoratori della Whirlpool non ha scongiurato i licenziamenti
La protesta dei lavoratori della Whirlpool non ha scongiurato i licenziamenti

Napoli, 20 dicembre 2021 - Da mercoledì lo smantellamento degli impianti della Whirlpool di via Argine: l'ipotesi è che si acceleri la vendita al Consorzio di imprese che dovrebbero realizzare un hub per la mobilità sostenibile riassorbendo i lavoratori licenziati dalla multinazionale.
Napoli, Whirlpool: Consorzio Campania presenta piano da 200 milioni di euro per nuovo hub

Potrebbe esserci una possibile accelerata nel processo di vendita dello stabilimento di via Argine tra la Whirlpool e il Consorzio di imprese che dovrà realizzare un Hub per la mobilità sostenibile. A sostenerlo sono fonti sindacali, secondo le quali il prossimo 22 dicembre, in base a quanto riferito dalla multinazionale, si dovrebbe cominciare a smontare gli impianti di produzione e liberare lo stabilimento per i nuovi acquirenti. 
Whirlpool Napoli, partite le prime lettere di licenziamento per i 320 dipendenti

Whirlpool, doccia fredda per 320 lavoratori: ricorso rigettato, via libera a licenziamenti

A dare l'anticipazione, nel giorno di un nuovo vertice al Mise, è un servizio della Tgr Campania. "Per noi - ha affermato il segretario generale della Fiom Cgil di Napoli, Rosario Rappa intervistato da Claudio Pappaianni - sarà fondamentale capire se queste dichiarazioni fatte dalla Whirlpool vengono confermate dal Consorzio e, da quel momento in poi, occorre definire il piano industriale e la tempistica che avevamo concordato, ovvero che entro sei mesi dall'acquisizione dell'area vengano assunti i primi lavoratori e entro l'anno tutti".
Whirlpool, Todde: “Obiettivo, occupazione e futuro del territorio”