Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
15 mag 2022

"Le parole della Kalush Orchestra sulle bombe contro l'Azovstal"

Le foto degli ordigni con le scritte in inglese e in russo sono state pubblicate su Telegram da Petro Andriushchenko, collaboratore del sindaco di Mariupol in esilio

15 mag 2022

Roma, 15 maggio 2022 - Anche il successo dell'Ucraina all'Eurovision non è stato ben visto da Mosca. E dopo le bombe a grappolo, termobariche e al fosforo, ora sull'Azovstal potrebbero venir sganciate quelle con le parole della band ucraina Kalush Orchestra, pronunciate dal gruppo musicale proprio per salvare gli asserragliati nell'acciaieria, secondo i media ucraini. 

Secondo Kiev i russi scrivono le parole dei Kalush sulle bombe (Ansa)
Secondo Kiev i russi scrivono le parole dei Kalush sulle bombe (Ansa)

Kiev: bombe al fosforo su Azovstal

La denuncia è arrivata dal consigliere del sindaco di Mariupol, Petro Andriushchenko​, che ha pubblicato su Telegram alcune immagini (non verificabili) in cui si vedono le bombe ancora integre, con scritte in inglese e in russo fatte con un pennarello nero e la data di ieri. Tra queste ci sono le parole di Oleh Psjuk, frontman della band ucraina, pronunciate alla fine del song contest: "Aiutate Mariupol, aiutate l'Azovstal, ora". Il sito di Ukrinform parla anche di una scritta in russo: "Kalush, come hai chiesto. Su Azovstal", mentre su un'altra bomba si leggono "Eurovision 2022 e 'Azov'. Mentre in inglese si legge "Help Mariupol - Help Azovstal right now".

Secondo Kiev i russi scrivono le parole dei Kalush sulle bombe (Ansa)
Secondo Kiev i russi scrivono le parole dei Kalush sulle bombe (Ansa)

"L'Ucraina può vincere la guerra". Cosa ha detto il segretario Nato

L'Eurovision è stata una parentesi durante la guerra, ma non altro:  gli stessi membri della band ucraina dopo aver vinto hanno dichiarato che torneranno subito in patria a combattere. "Difficile dire cosa succederà ora, è la prima volta che vinciamo l'Eurovision. Abbiamo un permesso temporaneo per essere a Torino: domani dobbiamo essere di ritorno e come ogni ucraino siamo pronti a combattere, come possiamo e fino a quando possiamo". Una vittoria comunque utile:" Ogni successo in questo momento è pieno di significato per l'Ucraina. La nostra cultura è stata attaccata e siamo qui anche per dimostrare che invece è viva e ha il suo marchio distintivo". 

Proprio l'appello per aiutare Mariupol ha rischiato di costare ai musicisti ucraini l'eliminazione, ma l'organizzazione ha chiuso un occhio e lo ha ritenuto un messaggio umanitario. Ma quella richiesta di aiuto in tv per l'Azovstal ora sarebbe stata scritta sulle bombe che dovrebbero piovere sopra l'acciaieria.

Il successo della Kalush Orchestra all'Eurovision è stato salutato con grande gioia in patria, Olena Zelenska, la first lady ucraina, ha esaltato la band: ora "tutto il mondo intonerà la canzone sulla mamma ucraina". "Signora Stefania, madre di Oleh Psiuk", ha scritto la moglie di Zelensky riferendosi al testo della canzone pensato come una lettera d'amore alla mamma, "insieme a te siamo orgogliosi di tuo figlio. Insieme a te ci rallegriamo dell'incredibile vittoria della Kalush Orchestra all'Eurovision". "Mi congratulo con la Kalush Orchestra e con tutti gli ucraini per questa vittoria", ha aggiunto la First Lady.

La canzone 'Stefania' tradotta

Madre Stefania, Stefania mia madre
Il campo è in fiore, ma i suoi capelli stanno diventando grigi
Madre, cantami la ninna nanna
Voglio sentire la tua cara parola
Mi cullava da piccola, mi dava un ritmo,
E non puoi togliere la forza di volontà in me, come l'ho presa io da lei
Penso che ne sapesse più di re Salomone.
Troverò sempre la strada di casa, anche se tutte le strade sono distrutte
Non mi sveglierebbe nemmeno se fuori ci fosse un temporale
O se c'è stata una tempesta tra lei e la nonna,
si fidava di me più di tutti gli altri
anche quando era stanca, continuava a cullarmi
Ninna nanna, ninna nanna
Madre Stefania, Stefania mia madre
Il campo è in fiore, ma i suoi capelli stanno diventando grigi
Madre, cantami la ninna nanna
Voglio sentire la tua cara parola
Non sono più un bambino, ma mi tratterà sempre come tale
Non sono più un bambino, ma continua a preoccuparsi per me, ogni volta che esco
Madre, sei ancora giovane. Se non apprezzo la tua gentilezza, sto andando verso un vicolo cieco
Ma il mio amore per te non ha fine.
Madre Stefania, Stefania mia madre
Il campo è in fiore, ma i suoi capelli stanno diventando grigi
Madre, cantami la ninna nanna
Voglio sentire la tua cara parola

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?