Israele, vaccinazione dei lavoratori palestinesi (Ansa)
Israele, vaccinazione dei lavoratori palestinesi (Ansa)

Tel Aviv, 11 aprile 2021 - In Israele è in atto una sorta di immunità di gregge, lo afferma Eran Segal, biologo computazionale del Weizmann Institute. L'affermazione di Segal si basa sul numero dei casi giornalieri di Covid, sceso del 97% dopo la campagna vaccinale.

Gran Bretagna lunedì riapre pub e palestre. Studio: "Inizio immunità di gregge"

Bollettino Covid Italia 11 aprile

Quindi il governo di Gerusalemme può alleggerire ancora le restrizioni, ha sostenuto Segal: "È possibile - ha spiegato alla tv Kan - che il Paese abbia raggiunto una sorta di immunità di gregge e, a prescindere, abbiamo un'ampia rete di sicurezza. Penso che questo renda possibile rimuovere immediatamente alcune delle restrizioni". 

Gli ultimi dati del ministero della sanità sulle infezioni nelle ultime 24 ore segnalano 86 nuovi casi, con un tasso di positività dell'0,8%. I casi attivi nel Paese sono 3.890 con 263 in condizioni gravi.

Cile nella morsa del Covid: varianti e vaccino cinese

I vaccinati proteggono i non vaccinati

Un altro studio israeliano sostiene che vaccinati proteggono anche coloro che non possono o non vogliono essere vaccinati. I dati eaminati avrebbero confermato che l'effetto è così netto che ogni aumento di 20 punti dei tassi di vaccinazione degli adulti in una comunità dimezza il rischio che i bambini risultino positivi. Inoltre è stato rilevato che, chi ha contratto il Covid dopo una dose di vaccino, ha una carica virale inferiore ed è quindi trasmette meno il virus.