Londra, 11 aprile 2021 - La Gran Bretagna domani riapre pub, palestre e parrucchieri. Lo stesso giorno in cui nel Paese sarà superata la soglia dei 40 milioni di dosi di vaccini anti-Covid somministrate (e qualcuno parla già di immunità di gregge), scatterà il via libera ad alcune attività commerciali e negozi non essenziali, oltre a ristoranti e intrattenimento all'aperto. L'ok era stato confermato nelle scorse settimane dal premier Boris Johnson ("Io stesso lunedì andrò al pub"), illustrando l'uscita graduale, e a tappe, dal terzo lockdown, che sarà completata nei programmi prima del 21 giugno prossimo. 

Israele, "Raggiunta una sorta di immunità di gregge"

I dati nazionali sono più che confortanti con appena 7 nuovi morti e 1730 casi giornalieri in tutto il Regno Unito. Effetto secondo alcuni esperti del lockdown e della campagna vaccinale verso quota 40 milioni di dosi: oltre 32 milioni prime iniezioni, e oggi sono stati raggiunti i 7 milioni di richiami. Inoltre uno studio dell'Imperial College di Londra prevede, alla luce dei dati attuali sulle vaccinazioni, l'inizio del fenomeno della cosiddetta immunità di gregge, cioè uno scudo protettivo collettivo della popolazione dal virus che fermerebbe la pandemia. 

Bollettino Covid Italia 11 aprile  

Ma non tutti gli esperti concordano con questa previsione, e soprattutto non sono convinti delle riaperture, alla luce di un'incidenza di contagi da non sottovalutare: fino a 60 casi per 100.000 abitanti in qualche contea dell'Inghilterra settentrionale. Quindi le riaperture, secondo gli specialisti 'prudenti', potrebbero rivelarsi premature, con il rischio che la popolazione le interpreti come un 'libera tutti', dando di nuovo vita alla pandemia. 

Il governo di Boris Johnson e i suoi esperti minimizzano, ma ammettono che l'alleggerimento del lockdown comporterà inevitabilmente una ripartenza dei casi, ma stimata in una misura accettabile.

Cile nella morsa del Covid: varianti e vaccino cinese