Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
19 mag 2022

Vaiolo delle scimmie: come si trasmette, sintomi e mortalità. Cosa sappiamo

Casi confermati in 5 paesi europei tra cui l'Itaila

19 mag 2022
fruzsina szikszai
Cronaca
featured image
I sintomi del vaiolo delle scimmie
featured image
I sintomi del vaiolo delle scimmie

Roma, 19 maggio 2022 - Regno Unito, Spagna, Portogallo, Italia, Usa, Svezia: sono questi i paesi finora con casi confermati di vaiolo delle scimmie. Il virus è comparso il 7 maggio nel Regno Unito: probabilmente è stato importato dalla Nigeria, dove il paziente malato aveva viaggiato di recente. Da allora, ad oggi, sono stati individuati 25 casi confermati e decine di casi sospetti in Europa, ed è arrivata la prima segnalazione anche dagli Usa. Ecco tutto ciò che sappiamo finora del virus. Vaiolo delle scimmie e rischi sessuali: ecco come proteggerci dal virus Vaiolo delle scimmie, i primi sintomi: febbre e mal di testa. Domande e risposte Che cos'è e come si riconosce Il vaiolo delle scimmie è una zoonosi silvestre, ovvero una malattia riguardante gli animali selvatici, con infezioni umani accidentali prevalentemente nelle parti boscose nell'Africa centrale e occidentale. La malattia è causata dal monkeypox virus, 'cugino' del vaiolo umano, entrambi appartenenti al gruppo degli orthopoxvirus. Anche i sintomi del vaiolo delle scimmie sono simili: febbre, mal di testa, dolori muscolari, mal di schiena, gonfiore alle ghiandole linfatiche, brividi, stanchezza, oltre ad eruzioni cutanee sul volto e altre parti del corpo, simili a quelle di altre malattie esentamiche. Il periodo di incubazione è 6-13 giorni, ma può variare da 5 fino a 21 giorni. L'infezione prima si manifesta con febbre, malessere generale, dolori muscolari, linfonodi gonfi e spossatezza, poi nell'arco di 1-3 giorni il paziente sviluppa eruzione cutanea pustolare che appare solitamente prima sul volto, ma a volte anche su altre parti del corpo. La malattia generalmente si autorisolve e dura da 2 a 4 settimane. In Africa il vaiolo delle scimmie è fatale in circa il 10% delle persone che lo contraggono; la mortalità per il vaiolo umano era di circa il 30% dei casi prima che fosse eradicato. Al momento tra i pazienti attualmente malati ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?