Roma, 6 gennaio 2021 - Via libera dell'Ema al vaccino Moderna in Ue, che diventa così il secondo vaccino anti Covid ad essere autorizzato dall'Europa dopo l'ok a quello Pfizer-Biontech arrivato il 21 dicembre scorso. "Questo vaccino ci fornisce un altro strumento per superare l'emergenza attuale - ha dichiarato Emer Cooke, direttore esecutivo dell'Ema -. E' una testimonianza degli sforzi e dell'impegno di tutte le parti coinvolte che abbiamo questa seconda raccomandazione positiva sui vaccini a poco più di un anno da quando la pandemia è stata dichiarata dall'Oms". Adesso "monitoreremo da vicino i dati sulla sicurezza e l'efficacia del vaccino - ha aggiunto Cooke - per garantire una protezione continua del pubblico dell'Ue. Il nostro lavoro sarà sempre guidato dalle prove scientifiche e dal nostro impegno a salvaguardare la salute dei cittadini dell'Ue".

"Il vaccino Moderna è sicuro ed efficace", ha detto la Commissione europea che nel pomeriggio ha "concesso un'autorizzazione condizionata all'immissione in commercio", come suggerito dall'Ema stessa. "Questa autorizzazione segue una raccomandazione scientifica positiva basata su una valutazione approfondita della sicurezza, efficacia e qualità del vaccino da parte dell'Agenzia europea per i medicinali (Ema) ed è approvata dagli Stati membri", riferisce l'esecutivo comunitario in una nota

Focus / Il piano Italia: entro marzo 5,9 milioni di vaccinati

Vaccinati in Italia: il dashboard in tempo reale

L'Aifa si riunisce domani

Dopo l'approvazione da parte dell'Agenzia europea dei medicinali del vaccino Moderna, la Commissione Tecnico Scientifica dell'Aifa si riunirà domani per esaminare il dossier sull'autorizzazione all'immissione in commercio in Italia e definire le modalità di utilizzo nel Servizio sanitario nazionale. 

In Italia già dalla prossima settimana

In Italia l'arrivo delle dosi del siero Moderna è previsto già dalla prossima settimana. Complessivamente, nei prossimi tre mesi, giungeranno in Italia 1 milione e 300mila dosi, con cadenza settimanale: 100mila a gennaio, 600mila a febbraio e 600mila a marzo. Con l'arrivo delle dosi di Moderna partirà il meccanismo di distribuzione nazionale del vaccino, a cura della Difesa. Il Piano prevede lo stoccaggio delle dosi di Moderna nell'hub nazionale di Pratica di Mare e il trasporto nei vari centri di somministrazione con i mezzi militari. Il vaccino Pfizer Biontech continuerà ad essere consgnato, invece, dalla casa farmaceutica come stabilito.

Le reazioni, Speranza: passo avanti

Su Twitter la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, ha commentato: "Buone notizie per i nostri sforzi di portare più vaccini Covid-19 agli europei! Ema ha valutato che quello di Moderna è un vaccino sicuro ed efficace. Ora stiamo lavorando a tutta velocita' per approvarlo e renderlo disponibile nell'Ue". Esulta su Facebook il ministro della Salute Roberto Speranza: "La sfida è ancora dura, ma quello di oggi è un altro importante passo avanti contro il virus". 

Kurz: ora ok ad AstraZeneca

"Ora spero nella rapida approvazione in Ue anche del vaccino di AstraZeneca, in conformità con tutti gli standard scientifici, dopo l'ok concesso di recente da India e Gran Bretagna", twitta il cancelliere austriaco Sebastian Kurz. E aggiunge: "Più vaccini abbiamo a disposizione, più velocemente possiamo uscire dalla crisi". 

Burioni: arma efficacissima

"La Befana ci ha fatto il regalo più gradito: autorizzato dall'Ema anche il vaccino Moderna contro Covid-19. Un'altra arma efficacissima contro questa terribile malattia, altre dosi di vaccino disponibili, ora sbrighiamoci a vaccinare più gente possibile nel più breve tempo possibile! Nessun ritardo!", scrive il virologo Roberto Burioni su Facebook.