"Abbiamo a disposizione un vaccino con elevatissima efficacia e ottimo margine di sicurezza". Così Giorgio Palù, presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa). "Si avvicina la data del 27 dicembre, giornata simbolica che segna l’inizio delle vaccinazioni di massa contro il Sars-Cov-2". Individuata nuova variante Covid Cosa si può fare a Natale Professore, siamo arrivati a un punto di svolta, che succede adesso? "Sono stati prodotti e valutati vaccini in soli dieci mesi, un dato senza precedenti. Successivamente, potremo disporre di altri 5 o 6 vaccini che sono ora nella pipeline. Saranno quai due milioni le persone che verranno vaccinate contro il Covid-19 a gennaio". L'autocertificazione...

"Abbiamo a disposizione un vaccino con elevatissima efficacia e ottimo margine di sicurezza". Così Giorgio Palù, presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa). "Si avvicina la data del 27 dicembre, giornata simbolica che segna l’inizio delle vaccinazioni di massa contro il Sars-Cov-2".

Individuata nuova variante Covid

Cosa si può fare a Natale

Professore, siamo arrivati a un punto di svolta, che succede adesso?

"Sono stati prodotti e valutati vaccini in soli dieci mesi, un dato senza precedenti. Successivamente, potremo disporre di altri 5 o 6 vaccini che sono ora nella pipeline. Saranno quai due milioni le persone che verranno vaccinate contro il Covid-19 a gennaio".

L'autocertificazione per andare da parenti e amici a Natale

Dobbiamo mettere in conto qualche allergia o altri effetti indesiderati?

"L’Aifa sarà presente attivamente nella fase di sorveglianza, per valutare le reazioni avverse, da un punto di osservazione indipendente. La percentuale di efficacia dichiarata da Pfizer-BioNTech è al 95%, faccio presente che il 100% in natura non esiste".

Dopo tante batoste....

"Dobbiamo tutti fare uno sforzo nel diffondere un messaggio che rassicuri. Grazie ai vaccini la vita media delle persone è aumentata di circa un quarto di secolo dagli inizi del 900. Per quanto riguarda il Covid-19, ci si attende che sia il vaccino Pfizer che quello di Moderna garantiscano una immunità sterilizzante. L’efficacia è stata dimostrata dopo una settimana dalla seconda dose. La durata della protezione non è ancora definita, ma dovrebbe essere superiore ai 5-6 mesi".

L’iniezione di queste molecole potrebbe dare infezioni o alterazioni cromosomiche?

"Lo escludo. Questo vaccino non utilizza Dna che possa integrarsi nel genoma umano, solo una componente genetica (Rna messaggero). Non sono coinvolti virus interi o vivi, perciò il vaccino non può causare malattie. L’Rna messaggero del vaccino si degrada naturalmente e non si integra nei cromosomi".

Questo vaccino sarà efficace anche nei confronti della variante inglese?

"I dati ottenuti dalle aziende farmaceutiche e dai laboratori indipendenti dicono di sì, che il vaccino è efficace anche in questo caso. Sono tantissime le mutazioni segnalate, ma nessuna si caratterizza per un’aumentata virulenza e accresciuto indice di letalità".

Potremo tornare alle nostre occupazioni grazie alla profilassi?

"Una volta vaccinati non sarà necessario prendere particolari precauzioni, posto che si dovrà continuare a indossare la mascherina almeno fino alla immunizzazione (7-10 giorni dopo la seconda somministrazione) e in condizioni di rischio particolare quali assembramenti e soggiorno in ambienti poco aerati".

Quando avremo una protezione stabile nella collettività?

"Per una immunità di gregge sarà necessario che si vaccini almeno il 60-65% della popolazione, un pò più della copertura necessaria per la vaccinazione contro l’influenza. Comunque non possiamo fare previsioni".

A che punto siamo della battaglia?

"Come per tutti i virus respiratori l’inverno è il periodo peggiore. Essendo questo il primo coronavirus pandemico conosciamo ancora troppo poco del suo destino evolutivo. Considerando la non elevata letalità (a differenza di SARS e MERS) possiamo ipotizzare che Sars-CoV-2 abbia tendenza, come i virus influenzali pandemici, ad adattarsi all’ospite umano motivo per cui dovremo aspettarci un suo ritorno ciclico. Ecco perché l’avvio delle vaccinazioni anti-Covid9 rappresenta un traguardo importante perché incide sulla prevenzione bloccando la trasmissione virale".