Milano, 1 ottobre 2021 - Balla e batte le mani e sfila a ritmo di “Bella ciao”, mentre gli altri manifestanti cantano in coro lo storico brano della Resistenza italiana. Greta Thunberg, l’attivista svedese per il clima nota per i suoi scioperi contro il surriscaldamento globale, è a Milano in occasione della Pre-Cop26, il meeting sull’ambiente che anticipa la conferenza Cop26 di Glasgow organizzata dalle Nazioni unite.

Greta a Milano, il grido contro i potenti della terra. "Basta, fate solo finta di ascoltare"

Da stamane l’attivista 18enne è in testa al maxi-corteo dei ragazzi di Fridays for future Italia, movimento giovanile che si batte per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica nel mondo e sull’utilizzo delle fonti rinnovabili. Sono circa 50 mila i partecipanti alla manifestazione che sta attraversando le vie principali del centro di Milano, affermano i ragazzi che sfilano. «Il corteo è lungo e le persone che partecipano stanno aumentando, arriveranno a 100 mila», dice una delle organizzatrici. La Questura invece informa che le persone radunate sono solo 7 mila. È un serpentone pacifico, colorato da striscioni e cartelloni con slogan, quello che sta percorrendo Milano, ravvivato dalle voci dei giovani che chiedono a gran voce ai politici e agli industriali di impegnarsi al più presto al cambiamento climatico. 

Tra i partecipanti, oltre a Thunberg e all’attivista Vanessa Nakate, braccate da fotografi e giornalisti, ci sono anche nonni con nipotini, maestre e insegnanti con i loro alunni e mamme e papà con figli al seguito. Tanti i cartelli portati dai ragazzi, oltre alle classiche parole d'ordine ci sono frasi molto ironiche. Tra queste: "Sopra 40 gradi solo alcolici", "Be the solution not the pollution" ("Sii la soluzione, non l'inquinamento"), "Make love non CO2" ("Fate l'amore, non CO2"), e "Se si scioglie il ghiaccio come lo facciamo il mojto?".

image