12 feb 2022

Covid, zero risarcimenti per i medici morti. Gli eroi sono già dimenticati

Il Senato boccia l’emendamento per i ristori alle famiglie. Il virus ha ucciso 369 dottori e molti infermieri

giovanni panettiere
Cronaca
Giuseppe Comodo, 68 anni, medico del 118 a Pontecagnano, nel Salernitano: è uno degli ultimi camici bianchi uccisi dal virus
Giuseppe Comodo, 68 anni, medico del 118: uno dei medici uccisi dal Covid

Da destra a sinistra li hanno chiamati eroi, in Parlamento si sono riempiti la bocca di elogi nei loro confronti, i paladini della lotta al Covid. Così la politica ha sempre definito in questi due anni di pandemia i medici e gli infermieri in trincea, tra mascherine centillinate durante la prima ondata, ferie e giorni di riposo saltati, la costante degli organici ridotti e, ultima beffa, lo stop, deciso proprio dal Senato, dei ristori ai loro famigliari in caso di morte per infezione da Covid. In 369 dall’inizio dell’emergenza sanitaria, solo per rimanere al computo dei medici, hanno perso la vita uccisi dal virus: coniugi e figli non riceveranno un euro come rimborso. Infermiera di 27 anni morta in un incidente. "Al lavoro per due notti consecutive" ll subemendamento sui ristori, presentato della senatrice Maria Cristina Cantù della Lega, che prevedeva un contributo di 100mila euro per ciascuna famiglia, proposto prima in legge di bilancio e poi in sede di conversione del decreto legge 22121 sulla proroga dello stato di emergenza, è caduto a Palazzo Madama durante la conversione in legge del decreto. Dopo aver incassato il parere contrario della Commissione Bilancio, spiegano dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri, è stato, durante la discussione in Aula, ritirato e riformulato come ordine del giorno accolto dal Governo. Come dire, un ristoro si farà, forse, chissà. Sara Viva Sorge e lo schianto, un collega dell'infermiera: veniva da una settimana pesante Per il momento fra i camici bianchi regnano delusione e amarezza per quella che considerano un’occasione persa, un segnale di rispetto e riconoscenza mancato. E non si tratta solo di gratitudine negata: vari nuclei familiari sono monoreddito e in difficoltà, afferma il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?