Roma, 22 marzo 2022 - Chi ha diritto agli aiuti del Decreto Sostegno (qui potete scaricare il testo in Pdf), varato dal governo la scorsa settimana? Come si fa a presentare la domanda per ottenere questi aiuti? Quali sono alcuni dei ristori principali messi in campo per fronteggiare la crisi economica provocata dall'epidemia di Coronavirus? Bollette, contratti a termine, sgravi per bar e ristoranti: ecco la nostra guida.

Cartelle arretrate, arriva un mini condono

1) Cinque fasce per gli aiuti

Gli aiuti a fondo perduto del Decreto Sostegno arriveranno a imprese e titolari di partita Iva con fatturato fino a 10 milioni e con perdite del 30% o più del fatturato medio mensile del 2020 sul ’19. I ristori andranno dal 20% delle somme perse per le imprese più grandi al 60% delle più piccole.

2) Domande online: soldi dall'8 aprile

Il 30 marzo sarà pronta la piattaforma di Agenzia delle Entrate e Sogei per fare domanda per gli aiuti. Lì ci saranno tre step successivi che dovrebbero evitare crash di sistema dei click day precedenti. L’8 aprile i primi pagamenti, in tutto il mese saranno distribuiti 11 miliardi alle imprese.

3) Contratti a termine: niente causale

La possibilità di rinnovo o proroga dei contratti a tempo determinato senza causale, per un periodo massimo di 12 mesi e per una sola volta, viene estesa dal 31 marzo al 31 dicembre 2021. Il decreto, però, mantiene ferma la durata massima complessiva di due anni (24 mesi).

4) Tre mesi di sconto sulle bollette

Un taglio delle bollette per aprile, maggio e giugno che vale 600 milioni: è quello previsto nel Decreto Sostegno, che affida all’Arera la riduzione degli oneri di sistema per le imprese. L’intervento ricalca quanto fatto durante il primo lockdown per aiutare le aziende.

5)  Canone Rai gratis per hotel e bar

Una mano a bar e ristoranti, che non pagheranno la tassa di suolo pubblico sui tavolini all’aperto fino al 30 giugno 2021. Inoltre, niente canone Rai 2021 ad alberghi, bar e ristoranti. Chi lo avesse già pagato, riavrà la somma sotto forma di credito di imposta.