Coronavirus, un presidio per fare i tamponi (Ansa)
Coronavirus, un presidio per fare i tamponi (Ansa)

Roma, 23 novembre 2020 - Il nuovo bollettino sull'andamento del Coronavirus in Italia registra un ulteriore calo dei nuovi contagi ma sempre a fronte di un numero inferiore di tamponi, così che il rapporto tra nuovi positivi e test sale al 15,39%. Balzo dei morti: 630, che portano il totale dei decessioltre quota 50mila. E, mentre si discute sui nuovi Dpcm (o sul nuovo Dpcm a due stadi) che definiscano cosa sarà possibile fare dal 3 al 23 dicembre e dal 24 dicembre al 6-15 gennaio, il nuovo terreno di scontro sono le aperture degli impianti sciistici con i presidente delle Regioni interessate che chiedono di trovare un equilibrio tra l'emergenza sanitaria e il rilancio economico degli operatori. 

Intanto a Catania sono arrivati gli ispettori inviati dal ministro Roberto Speranza che dovranno verificare la situazione relativa ai numeri dei posti letto di terapia intensiva registrati dall'assessorato regionale siciliano della Salute sulla piattaforma Gecos dopo il caso delle registrazioni audio su una chat di whatsapp con i direttori generali di Asp e aziende ospedaliere di Mario La Rocca, dirigente generale del dipartimento pianificazione strategica della Regione siciliana. Vicenda che ha scatenato numerose polemiche, tanto che lo stesso assessore regionale alla Salute Ruggero Razza e il governatore Nello Musumeci avevano sollecitato al ministro l'invio degli ispettori "per fare chiarezza". Sale poi 209 il bilancio dei medici morti per Covid-19 in Italia, secondo l'ultimo aggiornamento della Fnomceo. 

Infine sul fronte vaccinoAstraZeneca ha dichiarato che il suo (sviluppato con l'università di Oxford e l'italiana Irbm) mostra "un'efficacia media al 70%", dunque inferiore rispetto a quelli di Pfizer e Moderna (che avrebbero un'efficacia superiore al 90%). Tuttavia il siero anglo-italiano presenta altri punti di forza: è più economico ed è di più facile conservazione. "Abbiamo già speso 94 milioni, che è la quota che l'Unione Europea ha chiesto all'Italia per acquisire la quantità di vaccini che sono stati finora predisposti", ha dichiarato oggi il commissario per l'Emergenza, Domenico Arcuri, in audizione in commissione Bilancio. Arcuri ha sottolineato che il "meccanismo di acquisizione e contrattualizzazione dei vaccini avviene all'interno di un pool dell'Unione Europea che raggruppa tutti i paesi che hanno sottoscritto l'accordo" e, all'interno di questo accordo, ogni paese ha diritto ad una quota percentuale dei vaccini: quella dell'Italia è del 13,5% 

Il bilancio del 23 novembre

I nuovi casi di positività da Covid sono 22.930 (ieri erano stati 28.337) a fronte di 148.945 tamponi, circa 40mila meno della giornata precedente (il totale sale così a 20.537.521 dall'inizio epidemia). Il numero totale dei contagi sale a 1.431.795. I morti, nelle ultime 24 ore, sono stati invece 630, per un totale di 50.453 vittime da inizio emergenza. Attualmente i positivi in Italia sono 796.849, dei quali 758.342 in isolamento domiciliare. I ricoverati in ospedale con sintomi sono 34.697 (+418 rispetto a ieri), di questi 3.810 in terapia intensiva (+9). La regione con il maggior numero di nuovi casi è la Lombardia con 5.289, seguita da Veneto (2.540), Emilia-Romagna (2.347) e Lazio (2.341). Le Regioni con minore incremento di contagi sono Basilicata (58), Valle d'Aosta (77) e Molise (91).

Tabella del Covid

News dalle regioni / Lombardia

I nuovi casi di positività in Lombardia sono 5.289, di cui 424 'debolmente positivi' e 77 a seguito di test sierologico, a fronte di 32.862, tamponi effettuati per un rapporto del 16%. Si registrano 140 nuovi decessi. I nuovi guariti/dimessi da ieri sono 19.637 e le persone in terapia intensiva sono 945; 4 in meno di ieri. Sono 8.331 i pazienti attualmente ricoverati non in terapia intensiva, 60 in meno di ieri. Da inizio pandemia sono stati eseguiti 3.831.713 tamponi. 

Veneto

Sono 2.540 i nuovi positivi al Coronavirus in Veneto per un totale di 125.222 dall'inizio dell'emergenza ad oggi. Probabilmente la giornata con più uscite dall'isolamento domiciliare (meno 1.131 nel conteggio complessivo). Sale il numero dei ricoveri a 2.395, +67 rispetto a ieri, delle terapie intensive a 306, più 9, e dei decessi (+37) per un totale di 3.258 dal 21 febbraio ad oggi. "Con 2.701 ricoverati di fatto è stata abbondantemente superato in questi giorni il numero massimo di ricoverati in area non critica che avevamo a marzo-aprile", ha detto il presidente della Regione, Luca Zaia, annunciando l'arrivo di una nuova ordinanza anti assembramenti

Piemonte

Sono 1.730, di cui 610 asintomatici, i nuovi contagi da Covid-19 in Piemonte. I decessi odierni sono 81, con il totale delle vittime ora pari a 5.646. l totale dei positivi da inizio pandemia sale quindi a 151.305. I pazienti guariti sono complessivamente 68.736 (+ 1738 rispetto a ieri). I ricoverati in terapia intensiva sono 399 (+1 rispetto a ieri), non in terapia intensiva 5.112 (-20 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 71.412, mentre i tamponi diagnostici finora processati sono 1.432.221 (+13.529 rispetto a ieri), di cui 755.717 risultati negativi. 

Emilia Romagna

L'Emilia Romagna registra 2.347 casi in più rispetto a ieri su un totale di 11.558 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore (il totale  dei casi di positività sale così a 108.073). La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 20,3%, stabile rispetto a ieri, mentre l'età media è di 46 anni. Dei nuovi contagiati, 1.160 sono asintomatici individuati nell'ambito delle attivita' di contact tracing e screening regionali. Si registrano anche 34 vittime (5.384 il numero totale dall'inizio dell'epidemia).  I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 69.380 (2.109 in più di ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 66.394 (+2.038 rispetto a ieri), il 95,7% del totale dei casi attivi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 248 (-1 rispetto a ieri), 2.738 quelli in altri reparti Covid (+72). 

Toscana

In Toscana 1.323 nuovi casi di Coronavirus su 10.551 tamponi diagnostici svolti. I guariti sono 1.580 mentre i morti sono 48. Il bollettino giornaliero della Regione conferma una frenata dei casi, ma a fronte di una netta riduzione di test molecolari. A questi, tuttavia, si aggiungono 1.182 tamponi antigenici eseguiti nelle ultime 24 ore. Un dato che si riflette nel rapporto fra nuovi positivi e casi testati: il 29,2%. A livello ospedaliero, invece, a fronte di un incremento dei ricoverati nelle aree Covid degli ospedali (2.128, +45 rispetto a ieri), si registra anche una lieve flessione dei malati in terapia intensiva (296, -2). Dall'inizio dell'emergenza sono 96.028 i contagi accertati, 41.345 i guariti e 2.264 i decessi. In base a quanto accertato dalle aziende sanitarie sono inoltre 50.291 i malati con sintomi lievi in isolamento domiciliare (-350), e 49.610 le persone poste in sorveglianza attiva (-278) a seguito di contatti con casi infetti.

Lazio 

Nel Lazio, su oltre 20mila tamponi, i nuovi contagiati sono 2.341 (-192), i decessi sono 48 (+28) e i guariti sono 357. "Sale leggermente il rapporto tra i positivi e i tamponi, calano le terapie intensive. Dimezzata l'incidenza cumulativa per 100mila abitanti passiamo da 558 a 275 casi. Il virus rallenta la sua corsa, ma bisogna continuare con le misure adottate", evidenzia l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato. Sono 83.889 i casi attualmente positivi a Covid-19, di cui 3.351 ricoverati, a cui si aggiungono 335 pazienti in terapia intensiva (numero invariato da ieri) e 80.203 in isolamento domiciliare. Dall'inizio dell'epidemia, i guariti sono in totale 19.066, i decessi 2.026 e il totale dei casi esaminati è pari a 104.981. 

Campania

In Campania sono 2.158 i positivi nelle ultime 24 ore, di cui asintomatici 1.931 e sintomatici 227, a fronte però di 15.739 tamponi. Il totale dei positivi sale a 138.431 a fronte di un totale tamponi pari a 1.447.867 dall'inizio della pandemia. I deceduti registrati oggi sono 39, avvenuti tra il 14 e il 22 novembre scorsi, e portano il totale a 1.309, mentre sono 2.091 i guariti per un totale di 33.613. Su 656 posti letto di terapia intensiva, restano occupati i 201 già impegnati ieri, mentre su 3.160 posti letto di degenza, compresi quelli in strutture private, sono occupati 2.331. 

Sicilia

Sono 1.249 (-9 rispetto a ieri) i nuovi casi in Sicilia nelle ultime 24 ore, a fronte di 7.712 tamponi effettuati, su un totale di 890.048 da inizio emergenza. Nelle ultime 24 ore sono stati anche registrati 41 decessi che portano il totale delle vittime, in regione, a 1.227. Il numero degli attualmente positivi raggiunge i 37.913 (+751) mentre le persone ricoverate con sintomi sono 1.604 dei quali 243 (+2 rispetto a ieri) in terapia intensiva. In isolamento domiciliare ci sono 36.066 persone. I guariti/dimessi dall'inizio dell'emergenza sono ad oggi 15.238 (+457 nelle ultime 24 ore). 

Puglia

In Puglia i nuovi positivi al Covid sono 980 su 3.869 test effettuati. Le vittime sono invece 40. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 723.172 test, 11.288 sono i pazienti guariti e 31.979 gli attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 44.487.

Abruzzo

In Abruzzo si registrano 640 nuovi casi (di età compresa tra 10 mesi e 100 anni), che portano il totale dall'inizio dell'emergenza a 24.288. I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 89. Il bilancio dei deceduti è invece 18 (5 casi sono riferiti a morti avvenute nelle scorse settimane e comunicati solo oggi dalle Asl) e sale a 804 (di età compresa tra 54 e 93 anni). Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 7.135 dimessi/guariti (+404 rispetto a ieri). Dall'inizio dell'emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 380.408 test (+4.491 rispetto a ieri). I ricoverati in ospedale non in terapia intensiva sono 672 (+8 rispetto a ieri), 71 (-1 rispetto a ieri) sono quelli in terapia intensiva, mentre gli altri 15.606 (+211 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. 

Le altre regioni

In Friuli Venezia Giulia si sono registrati 277 nuovi casi (il 12,93% dei 2.916 tamponi eseguiti) e 27 decessi. Nelle Marche sono stati individuati nelle ultime 24 ore 161 nuovi casi su 1.239 tamponi testati. In Basilicata i nuovi positivi sono 281 su 1.923 tamponi. La Valle d'Aosta ha registrato 77 nuovi contagiati e 5 morti. Sono invece 321 i casi riscontrati in Calabria su 2.056 tamponi effettuati (il numero dei positivi è salito a 14.217, al momento in cura presso le strutture ospedaliere ci sono 482 persone).