Roma, 9 settembre 2020 - "Le famiglie italiane non devono dubitare: abbiamo fatto il massimo per dare ai ragazzi il meglio e per regalare alla scuola un nuovo inizio". Così Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Palazzo Chigi, smorza gli allarmismi sul ritorno a scuola il 14 settembre. E dichiara: "Grazie al nostro lavoro l'anno scolastico comincerà regorlamente". "Per ripartire bene occorrerà uno sforzo collettivo", aggiunge Conte, e "mettiamo già in conto che ci saranno nuovi contagi a scuola".

Bollettino Coronavirus Italia, i dati di oggi, 9 settembre. Tabella Covid in Pdf

Il premier, poi, entra nel merito della nuova organizzazione degli Istituti: "Ci sarà un orario scaglionato per evitare assembramenti, questo lo decideranno i dirigenti scolastici, le scuole hanno già quantitavi sufficienti di gel e mascherine per affrontate i primi giorni. Abbiamo predisposto la consegna di 11 milioni di mascherine chirurgiche gratuite per studenti e personale". Sui banchi, invece, "in soli due mesi abbiamo reperito 2,5 milioni di banchi nuovi. Alcuni di questi sono stati già distribuiti, continueremo in tutto il mese di settembre. Il programma di consegne finirà entro ottobre". E sui mezzi di trasporto: "Potranno essere riempiti sino all'80% e solo in presenza di determinate condizioni. C'è anche una particolare attenzione agli studenti con fragilità, con accesso prioritario". La ministra dei Trasporti, Paola De Micheli, aggiunge: "Sui mezzi di trasporto pubblico locale sarà obbligatorio l'utilizzo delle mascherine esclusivamente chirurgiche e non più quelle di stoffa". E gli scuolabus "saranno dotati di segnaposto". 

"Abbiamo previsto che siano le famiglie a misurare la temperatura ai loro figli - continua il premier -, in modo da essere sicuri che la temperatura non sia superiore a 37,5 e che non ci siano sintomi collegati a Covid". Nel caso in cui ci siano sintomi, poi, specifica Conte, "la famiglia dovrà avvisare la scuola ed il medico. Se lo studente avrà sintomi a scuola andranno allertati i genitori, che poi dovranno contattare il medico e insieme con la Asl valuteranno se fare il tampone e, in caso di esito positivo, i medici decideranno per la quarantena dei compagni e del personale scolastico, che è venuto a contatto con il ragazzo positivo". E ha specificato: "Potrà scattare nel peggiore dei casi una quarantena dell'intera classe: ci potranno essere difficoltà, ma invito a rispettare le regole e affrontare con fiducia questo anno". Poi ha assicurato: "Investiremo sulla scuola, non vogliamo più classi pollaio". Sul congedo parentale, invece, lo "abbiamo già previsto nell'ultimo decreto, ad ore sarà pubblicato sulla Gazzetta". Il premier ha concluso con un appello "i principali protagonisti della sfida: ai nostri ragazzi. Mi rivolgo a voi per dirvi grazie, siete stati voi a pagare il prezzo più grande di questa emergenza".

Azzolina: "Scuola luogo meno rischioso"

Sulla riapertura degli istituti è intervenuta anche la ministra dell'Istruzione, Lucia Azzolina, in conferenza stampa a Palazzo Chigi. "In questo periodo ci sono già stati dei casi di positivi, ce lo aspettavamo", ma "siamo certi che è stato giusto chiudere le scuole e che è necessario e doveroso riaprirle adesso", ha dichiarato la ministra. E ha assicurato: "A scuola ci sono delle regole, delle misure sanitarie, ma anche adulti preparati. La scuola è il luogo meno rischioso".  "L'unica via - ha continuato - è garantire una grande alleanza con le famiglie. Dobbiamo essere tutti responsabili". Sulle strutture, invece, "se a giugno gli studenti che sostanzialmente erano senza un'aula per via del metro di distanza erano 1 milione - ha proseguito Azzolina -, oggi sono 50mila". Questo, ha aggiunto, "non significa che non andranno a scuola. Andranno anche senza il metro di distanza, ma mettendo la mascherina per questo inizio di anno scolastico. Sono comunque situazioni che stiamo risolvendo, grazie ad altri 100 milioni di euro per prendere in affitto altri locali e grazie agli accordi con teatri, parrocchie o scuole paritarie". Se invece "dovesse capitare che un insegnante vada in quarantena", ha specificato Azzolina, "si farà la didattica a distanza. Gli studenti non possono perdere giorni di scuola".

Speranza: "Rapporto organico scuola e salute"

"Vogliamo provare a ricostruire la relazione tra scuola e salute: quando ci saranno casi positivi non lasceremo mai soli il nostro personale scolastico: sarà l'azienda sanitaria competente a fare valutazione del caso, con uso intelligente dei tamponi e se serve quarantena. Ora ricostruire un rapporto organico tra scuola e salute". Lo afferma il ministro della Salute, Roberto Speranza, in una conferenza stampa a Palazzo Chigi.

Presidi: "Risolvere problemi"

Una doccia fredda sull'ottimismo del Governo arriva dai presidi. "Per riaprire in sicurezza è necessario che alcuni problemi vengano risolti - afferma il presidente dell'Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli -. A quanto sappiamo, la consegna dei banchi monoposto è in grave ritardo", aggiunge. "Altre due criticità importanti sono quelle delle aule, perché gli enti locali non le hanno reperite ovunque, e l'assegnazione piena dell'organico", spiega ancora. Quindi lancia l'allarme: "Se queste difficoltà non troveranno immediata soluzione, è oggettivamente difficile pensare che il termine del 14 settembre sia rispettato ovunque: è opportuno dunque valutare la possibilità di ragionevoli differenziazioni locali".

Coronavirus, arriva test salivare rapido. Risposta in 3 minuti

Appello scienziati: "Tamponi su vasta scala"

Il ritorno a scuola rende urgente "organizzare la macchina pubblica procedere con tamponi su vasta scala così da individuare subito gli infetti, isolare i focolai sul nascere ed evitare il riesplodere dell'epidemia". L'appello arriva da 'Lettera150', il think tank composto da circa 250 accademici di diverse discipline, nato sull'onda dell'emergenza Covid-19. Gli scienziati ricordano che il virologo Andrea Crisanti ha stimato che potrebbe essere necessario in questa fase processare fino a 400 mila tamponi ogni giorno.

Alto Adige, un positivo alla materna

Oggi, intanto, dopo il caso registrato ieri in Trentino, anche in Alto Adige si segnala un bambino positivo al Covid-19 in una scuola materna. L'episodio risale a lunedì, primo giorno di scuola. Un bambino che si trovava all' asilo di lingua tedesca di San Candido ha accusato un malessere, con i sintomi del Coronavirus. Il piccolo ora sta bene, i suoi 20 compagni e le rispettive famiglie si trovano in quarantena. I locali dove si trovava il bambino sono stati disinfettati, l'asilo prosegue la sua attività.