VEDI I VIDEO “Sublime specchio di veraci detti” , “S’io t’amo? Oh donna!…” , Dalla “Vita scritta da esso” , L’inizio di “Saul” di Vittorio Alfieri, con Gian Maria Volonté (1959)

Firenze, 16 gennaio 2018

Sublime specchio di veraci detti

Sublime specchio di veraci detti,
mostrami in corpo e in anima qual sono:
capelli, or radi in fronte, e rossi pretti;
lunga statura, e capo a terra prono;

sottil persona in su due stinchi schietti;
bianca pelle, occhi azzurri, aspetto buono;
giusto naso, bel labro, e denti eletti;
pallido in volto, più che un re sul trono:

or duro, acerbo, ora pieghevol, mite;
irato sempre, e non maligno mai;
la mente e il cor meco in perpetua lite:

per lo più mesto, e talor lieto assai,
or stimandomi Achille, ed or Tersite:
uom, se’ tu grande, o vil? Muori, e il saprai.

Vittorio Alfieri

(da “Rime”)