Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
13 mar 2022

Miracolo Ucraina alle Paralimpiadi. "La guerra ci ha reso invincibili"

Seconda nel medagliere dietro alla Cina. Gli atleti: abbiamo lottato per il nostro Paese, è una missione

13 mar 2022
viviana ponchia
Sport
Maksym Yarovyi, il portabandiera, guida la delegazione ucraina durante le cerimonia di apertura delle Paralimpiadi
Maksym Yarovyi, il portabandiera, e la delegazione ucraina all'apertura delle Paralimpiadi
Maksym Yarovyi, il portabandiera, guida la delegazione ucraina durante le cerimonia di apertura delle Paralimpiadi
Maksym Yarovyi, il portabandiera, e la delegazione ucraina all'apertura delle Paralimpiadi

Erano a Pechino quando tutto è cominciato. Hanno vinto comunque e più degli altri dai primi giorni delle Paralimpiadi. E alla fine sono arrivati secondi, a un passo dalla Cina. Di giorno la gloria, di notte l’insonnia che si nutre di impotenza e preoccupazione. Si dice che gli atleti ucraini abbiano continuato a battere tutti smettendo di dormire. L’adrenalina sciolta nell’angoscia di sapere un padre o un figlio sotto le bombe dall’altra parte del mondo sono un doping formidabile: occhi spalancati, nessuna speranza di ristoro. E quel pugno alzato in silenzio durante la cerimonia di chiusura dei giochi, davanti al manifesto che chiedeva la pace in giallo e blu, è stato un omaggio a tutti i morti immaginati da lontano, alle famiglie da cui non arriva più risposta e a chi ha ancora voglia di fare il tifo. Spiegata da Valerii Sushkevych, presidente del comitato paralimpico ucraino: "Questa è la nostra realtà. Cerchiamo di sapere se chi amiamo è ancora vivo. Sappiamo quanto la nostra partecipazione conti e siamo orgogliosi di gareggiare per loro". Guerra in Ucraina: la Russia attacca Leopoli: 35 morti in raid su base al confine polacco E a quel punto il valore della medaglia è relativo come per Grygorii Vovchynskyi, che invita a interpretare il suo bronzo nello sci di fondo con più attenzione: "Con tutto quello che sta succedendo per me questa è una medaglia d’oro. Dobbiamo essere forti insieme". Non perdeva occasione di ricordalo l’ex primo ministro di Israele Shimon Perez; nello sport si vince senza uccidere, in guerra si uccide senza vincere. In entrambi i casi conta la determinazione. La tennista ucraina Elina Svitolina non ha avuto dubbi sulla sostanza da dare alla vittoria contro la russa Potapova a Monterrey: "Sono in missione per il mio Paese, uso le mie risorse per invitare il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?