L'esultanza dell'Italia
L'esultanza dell'Italia

Il capolavoro di Roberto Mancini si materializza nella cornice di Wembley, contro i padroni di casa dell'Inghilterra: nonostante un inizio difficile (gol di Shaw dopo appena 2), gli azzurri si rialzano e impattano al 67' con Bonucci sugli sviluppi di un corner. Per dirimere una matassa complicata per entrambe le squadre serve la lotteria dei rigori, un tempo nemica numero uno della Nazionale: invece, dopo il titolo Mondiale del 2006, arriva quello a Euro 2020 proprio dal dischetto per un'apoteosi, quella dell'Italia, nata paradossalmente dal grande tonfo del 2017 contro la Svezia e dal dolore per la morte di Davide Astori, a marzo 2018.

Primo tempo

 Al 2' l'Inghilterra passa già in vantaggio: Trippier riceve da Kane e crossa verso il secondo palo, dove c'è Shaw, che di prima trafigge Donnarumma. L'Italia prova a reagire con un affondo di Chiesa, che guadagna una buona punizione dal limite: della battuta se ne incarica Insigne, che alza troppo la mira. Al 36' proprio Chiesa si mette in proprio con un'azione personale culminata in una rasoiata che sfiora il palo alla sinistra di Pickford. Gli azzurri insistono in pieno recupero con Immobile (girata al volo respinta dalla coscia di Stones) e Verratti (tiro debole e centrale), ma al duplice fischio devono arrendersi al momentaneo 1-0 per i padroni di casa.

Secondo tempo

 Al 50' Insigne guadagna una punizione dal limite (fallo di Sterling, che poco prima era stato protagonista di un altro tuffo in area) che tuttavia non sarà trasformata dallo stesso numero 10. Con l'uscita dal campo di un deludente Immobile (dentro Berardi), Insigne si sposta al centro e al 58' da distanza ravvicinata sollecita i riflessi di Pickford: quest'ultimo al 62' respinge a mano aperta la conclusione di Chiesa, che ancora una volta si era messo in proprio con una serpentina imprendibile per la difesa inglese. Sul ribaltamento i padroni di casa tornano pericolosi sugli sviluppi di un angolo: a incornare è Stones, con Donnarumma che respinge la sfera oltre la traversa. Il tiro dalla bandierina al 67' sorride all'Italia, che trova il pareggio grazie a un tap-in di Bonucci dopo che precedentemente Pickford aveva respinto sul palo il colpo di testa di Verratti. Gli azzurri insistono e al 74' sfiorano il vantaggio con la volée di Berardi che finisce sopra la traversa.

Tempi supplementari

 L'Inghilterra cerca di approcciare bene l'extratime: lo dimostra la rasoiata sugli sviluppi di un corner con cui Phillips mette i brividi a Donnarumma al 98'. L'Italia replica al 104' con l'affondo di Emerson, che scappa a sinistra e mette la palla in mezzo: Pickford in uscita (e in maniera fortunosa) salva i suoi. Al 107' il portiere inglese con un goffo intervento sventa una punizione forte e centrale di Bernardeschi. Sul ribaltamento non è perfetto nemmeno Donnarumma su un cross di Kane.

Sequenza rigori

 Si arriva così ai rigori: per l'Italia segnano Berardi, Bonucci e Bernardeschi, mentre sbagliano Belotti e lo specialista Jorginho. Per l'Inghilterra sono vincenti i penalty Kane, Maguire ma falliscono Rashford, Sancho e Saka: errori fatali che consegnano il titolo agli azzurri nella cornice di Wembley.