Roma, 5 giugno 2018 - Matteo Salvini che incontra, in un vertice non previsto ma cruciale, Silvio Berlusconi. Lo stesso Salvini che parla a lungo al telefono, da vicepremier a vicepremier, con Luigi Di Maio.

SOTTOSEGRETARI E VICEMINISTRI - Nella guerra non dichiarata, ma reale e durissima, sui posti di sottogoverno – che va avanti, in modo serrato, da giorni, tra Lega e M5S (40 posti tra viceministri e sottosegretari più le presidenze delle 28 commissioni permanenti) – la partita più difficile ta da gestire è quella su chi avrà la delega alle Tlc, le telecomunicazioni. Per prassi affidata a un viceministro (quello uscente era il dem Antonello Giacomelli: torme di giornalisti, Rai e Mediaset, gli facevano corona a ogni passo), la delega alle tlc vale, di fatto, quanto un ministero, per importanza e prestigio. Formalmente all’interno del Mise, ha sede e struttura autonoma, oltre che potere. Per capirsi, le nomine del nuovo Cda Rai, sempiterno termometro di chi comanda in Italia, si decidono qui. E proprio parlando di Rai va segnalato che, in base al nuovo regolamento, sono ben 196 le candidature arrivate alla Camera per il nuovo Cda, tra cui quelle di Minoli e Santoro.

E così, se la delega andrà alla Lega come sembra si dirà che Berlusconi ha strappato la «pace» (fredda) con Salvini, se andrà all’M5S si dirà che il nuovo governo vuole «minacciare» Mediaset (e la Rai).

Dovrebbe spuntarla, a sentire le ultime voci, il giornalista Alessandro Moretti, un outsider , considerato un fedelissimo di Salvini. Il Cav può dormire sonni tranquilli, ma in Rai resteranno tutti con il fiato sospeso, specie i direttori di tg e gr. La Lega potrebbe fare la parte del leone anche con un’altra delega importatissima, quella ai servizi segreti: il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, detto anche il Richelieu di Salvini, dovrebbe spuntarla su Vito Crimi. Per l’organismo di controllo dei servizi, il Copasir, una delle due commissioni bicamerali che, per tradizione parlamentare, sono appannaggio dell’opposizione, è in pole il dem Lorenzo Guerini mentre alla Vigilanza Rai dovrebbe ‘vigilare’ l’ex capogruppo azzurro Paolo Romani.

Tra gli altri nomi in ballo per la Lega c’è Nicola Molteni: se non subentrerà a Giorgetti come capogruppo della Lega, potrebbe andare alla Giustizia a marcare a uomo il Guardasigilli M5S Bonafede. A quel punto Guido Guidesi governerebbe i leghisti alla Camera e Stefano Candiano i senatori, al posto del ministro Centinaio. L’M5S, invece, sceglierà oggi, con un’assemblea congiunta dei gruppi, i successori di Toninelli e Grillo, promossi ministri. Per ora, restano in carica i due loro vicari: Vito Crimi e Laura Castelli. Le presidenze di commissione sono un altro gioco a incastro, ma per ora restano alte, in due commissioni chiave, quelle del Bilancio, le quotazioni del leghista euroscettico Claudio Borghi alla Camera e dell’ideologo della flat tax , Alberto Bagani, al Senato, mentre, sempre in tema economico, il deputato genovese della Lega, Edoardo Rixi, dovrebbe diventare viceministro all’Economia o alle Infrastrutture e Alberto Brambilla, in quota Lega, andare al Lavoro come viceministro.

LA FIDUCIA - Intanto, tra oggi e domani, il governo gialloverde affronta il doppio voto di fiducia nelle Camere.

Si parte, oggi alle 12, al Senato con il discorso del premier Conte e, dalle 14.30, con la discussione generale. Il premier incentrerà il suo discorso sulla centralità dell’Europa, l’immigrazione e i punti principali del programma del cambiamento. Nessun cedimento, quindi, su fisco, reddito e pensione di cittadinanza, superamento della legge Fornero e regolamento di Dublino.

Seguirà il voto di fiducia. Sulla carta, la maggioranza di Lega (58 senatori) e M5S (109) non è robustissima, ma ai 167 voti certi vanno sommati altri quattro senatori (due del Maie, due ex M5S) e si arriva a 171, dieci voti in più del quorum, fissato a 161. Con i voti del gruppo delle Automie-Svp, la maggioranza potrebbe arrivare a 174-175 voti, senza dire che i 18 senatori di Fd’I sceglieranno l’astensione. Ad ascoltare Conte ci saranno tutti i big, da Renzi a Casini fino ai senatori di FI. Domani, alla Camera, per il governo Conte le cose saranno più agevoli: l’esecutivo conta su ben 346 voti favorevoli (222 deputati M5S, 124 Lega), su un gruppetto di ex eletti M5S e del Maie (5) e delle Autonomie, che voteranno anche qui la fiducia, e sull’astensione di Fd’I.