Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
20 giu 2022

Draghi blinda Di Maio. Nessun rimpasto, meglio il voto

Il premier non ha nessuna intenzione di rimuovere il numero uno della Farnesina in questo momento. Diplomazie al lavoro per limare la risoluzione grillina che vuole fermare le armi a Kiev. Sarà votata domani

20 giu 2022
ettore maria colombo
Politica
Il presidente del Consiglio Mario Draghi e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio durante la foto di famiglia in occasione della Ministeriale OCSE a Parigi, 9 giugno 2022. 
ANSA/ALESSANDRO DI MEO
Il ministro Luigi Di Maio e il premier Mario Draghi (Ansa)
Il presidente del Consiglio Mario Draghi e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio durante la foto di famiglia in occasione della Ministeriale OCSE a Parigi, 9 giugno 2022. 
ANSA/ALESSANDRO DI MEO
Il ministro Luigi Di Maio e il premier Mario Draghi (Ansa)

"Siamo pronti a mediare, non a farci commissariare" è il mantra di palazzo Chigi. Altrimenti l’esecutivo non c’è più. Né il premier accetterebbe ipotesi di appoggi esterni: se il Movimento 5 Stelle intendesse strappare la strada sarebbero le elezioni. Per ora, nessuno ci crede. Non che, nel governo, non ci siano timori. Si aggirano già parole come "verifica", "rimpasto", "crisi". Il M5s scarica Di Maio. "Non ti cacciamo, vattene tu" Del resto, se Di Maio desse vita a nuovi gruppi parlamentari ci sarebbe "un fatto nuovo": Draghi non potrebbe non tenerne conto, il Capo dello Stato neppure. Di Maio resterebbe ministro e sempre agli Esteri? Per Draghi sì, non ci piove. Non è pensabile cambiare un ministro con una crisi internazionale in corso o delegittimarlo. Ma il M5s, non più rappresentato da Di Maio, al governo, che farebbe? E gli altri partiti? Facile prevedere almeno un rimpasto, nuovi assetti di coalizione, un nuovo passaggio alle Camere per la fiducia, oltre a quello – doveroso – al Colle. Mattarella da tempo ha fatto sapere che l’Italia resta fedele alla sua tradizione di politica estera europeista e atlantista e attende il voto in Parlamento alla vigilia del vertice Ue, prima del quale incontrerà al Quirinale, come di consueto, Draghi e i ministri interessati ai temi in agenda. Ma prima del verificarsi dello scenario “fine di mondo“, meglio non fasciarsi la testa. A palazzo Chigi lavorano sul day by day e l’accordo tra i partiti di maggioranza (che si vedranno oggi per stilare il testo definitivo) sulla risoluzione sull’Ucraina, in buon parte, è già scritto. Opera del sottosegretario agli Affari Ue, Enzo Amendola, non contiene nessun riferimento allo stop alle armi, ma l’impegno a un maggiore sforzo diplomatico nell’approccio alla guerra oltre a recepire l’ordine del giorno del Consiglio Ue. Sull’intesa, però, incombe ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?