Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
12 lug 2022
12 lug 2022

Telescopio spaziale James Webb, le prime foto 'a colori' di un universo ignoto

Le immagini dal telescopio spaziale nato dalla collaborazione fra Nasa, Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Agenzia spaziale canadese (Csa). La prima è di un pianeta distante 1150 anni luce 

12 lug 2022

Roma, 12 luglio 2022 - Arrivano le nuove immagini del telescopio Webb . É ufficialmente iniziata una  nuova era dell'esplorazione dell'universo grazie alle potenzialità del telescopio spaziale James Webb e, dopo la prima "storica" immagine presentata direttamente dal presidente degli Stati Uniti, la Nasa  oggi ha mostrato altre immagini realizzate con quello che è il più potente e sofisticato strumento di osservazione del cosmo realizzato finora dall'uomo.

Dopo la  "Webb's First Deep Field" , la prima "foto" che mostra l' ammasso di galassie SMACS 0723 , sono già state annunciate nei giorni scorsi altre 4 immagini di oggetti cosmici verso cui è previsto che venga orientato il nuovo "occhio spaziale" per provare le sue potenzialità e mostrare quanto "veda" bene e lontano. 

Una foto del telescopio spaziale Webb (Dire)

Telescopio Webb, cosa mostrano le nuove immagini del cosmo e perché sono così importanti

Le nuove "foto" di Webb

La prima è di un pianeta esterno al Sistema Solare un gigante, simile a Giove, distante 1.150 anni luce da noi e che rivela la firma distintiva dell'acqua. I dati mostrano molto chiaramente come il nuovo telescopio potrà analizzare pianeti lontanissimi e cercare anche eventuali firme chimiche della vita. 

La seconda foto rilasciata in occasione di una diretta web è la spettacolare vista di una nebulosa planetaria , ossia il 'guscio' di polveri che avvolge espulsi da una coppia di stelle giunte all'ultima fase della loro attività. Si tratta della nebulosa catalogata come NGC 3132 e conosciuta informalmente come la Nebulosa dell'Anello Meridionale, distante circa 2500 anni luce. La potente vista a infrarossi di Webb porta in piena vista la coppia di stelle che ha dato vita a questa nebulosa, insieme a strutture eccezionali create mentre le stelle modellano il gas e la polvere intorno a loro.

Il terzo scatto è dedicato al cosiddetto 'Stephan's Quintet' , uno spettacolare raggruppamento di cinque galassie. La nuova immagine mostra in dettagli mai visti in precedenza come le galassie che interagiscono tra loro innescano la formazione di stelle l'una nell'altra e come il gas nelle galassie viene disturbato e deviati da un buco nero nelle vicinanze delle 5 galassie. Gruppi di galassie vicini come queste potrebbero essere stati più comuni nell'Universo primordiale quando il materiale surriscaldato e in caduta potrebbe aver alimentato buchi neri molto energetici.

Ultima foto del primo set di immagini a 'pieni colori', come le ha definite la Nasa stessa a indicare che solo le prime immagini rilasciate sfruttando le piene potenzialità del telescopio, sono delle 'scogliere cosmiche' , ovvero il margine di una spettacolare nebulosa che ricorda la forma di una scogliera. Si tratta di un dettaglio nella Nebulosa Carina in cui sono ben visibili una grande quantità di stelle in piena formazione che finora non era mai stato possibile osservare con nessun altro strumento. Quelle che ricordano delle montagne sono il bordo di una gigantesca cavità gassosa all'interno della nebulosa e i picchi più alti in questa immagine sono alti circa 58 anni luce. L'area 'cavernosa' è stata scavata dalla nebulosa dall'intensa radiazione ultravioletta e dai venti stellari di giovani stelle estremamente massicce, calde, situate al centro della bolla, sopra l'area mostrata in questa immagine. 

La "Webb's First Deep Field"

La prima immagine "storica", come l'ha definita Joe Biden alla presentazione ufficiale alla Casa Bianca dell'avvio dell'attivita del telescopio Webb, ha mostrato, con livelli di dettaglio mai raggiunti prima , un ammasso di galassie a 5 miliardi di anni luce di distanza dalla Terra. La nuova immagine è stata chiamata "Webb's First Deep Field". L'ammasso di galassie SMACS 0723 appare com'era circa 4,6 miliardi di anni fa , quando la luce delle sue stelle iniziò il suo viaggio verso la Terra.

(Foto Dire)
(Foto Dire)
(Foto Dire)
(Foto Dire)
(Foto Dire)
(Foto Dire)
(Foto Dire)
(Foto Dire)
(Foto Dire)
(Foto Dire)

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?