New York, 17 dicembre 2013 - Grandi, grossi e voraci, ma senza i classici problemi che affliggono gli esseri umani obesi. Proprio per questo motivo gli orsi sono oggetto di studio da parte dei ricercatori americani: possono infatti permettersi di ingrassare senza ammalarsi. Il dottor Kevin Corbit, scienziato che produce medicine alla Amgen (società di biotecnologie con sede a Thousand Oaks, in California) sta studiando i grizzly.

Pensa infatti che le informazioni raccolte da questi animali possano aiutare a comprendere il problema dell`obesità e individuare nuove possibili soluzioni e cure. Gli orsi possono ad esempio ingerire 58.000 calorie al giorno e permettersi di raggiungere un peso di 450 chili senza alcun problema per la loro salute. "Quando penso all`obesità", dice scherzosamente il Dott. Corbit, "penso all`orso Yogi".

Nelle settimane prima del letargo, gli orsi mettono via abbastanza mele, frutti di bosco e salmone per ingrassare una cinquantina di chili circa. Il loro colesterolo così sale, come la loro pressione sanguigna. Ma a differenza degli esseri umani, la loro salute non ne soffre. Le arterie degli orsi non si intasano quando si rimpinzano, né gli animali soffrono di attacchi di cuore o diventano diabetici.

Perché gli orsi possono ingrassare senza ammalarsi? L`Amgen sta cercando di rispondere a questa domanda, sperando di aiutare gli uomini che soffrono di malattie cardiache e di diabete.  Gli studi mostrano che questi animali rispondono a un eccessivo aumento di peso in modo diverso rispetto a molte persone. Sembra infatti che regolino la loro sensibilità all'insulina, l'ormone che controlla le quantità di grassi e zuccheri negli alimenti. Gli orsi sono più sensibili all'insulina mentre ingrassano. Tuttavia quando cadono in letargo, un paio di settimane più tardi, spengono del tutto la loro reattività all'ormone. Adesso la sfida di Corbit è quella capire il funzionamento di questo meccanismo. E magari rivoluzionare il modo di combattere il diabete e i problemi cardiaci.
Per contatti con la nostra redazione: animali@quotidiano.net