Berlino, 15 luglio 2021 - Devastante alluvione in Germania, Belgio e Olanda. Il maltempo sta flagellando la parte occidentale del Paese con temporali e inondazioni. "Sconvolta dalla catastrofe", si dice la Cancelliera Angela Merkel mentre l'Ue già promette aiuti. Il bilancio delle vittime cresce di ora in ora: secondo l'ultimo bilancio i morti sono almeno 81, e si parla di 1.300 dispersi. Secondo le stime in 200mila sono rimasti senza elettricità. In Belgio 12 vittime e 5 dispersi.

Ultime notizie: Alluvione in Germania, Belgio, sale il numero delle vittime

"Non è un clima adatto all’uomo". Meteorologo: la Terra ha la febbre

Sommario

I danni e il bilancio delle vittime

Particolarmente colpita Bad Neuenahr Ahrweiler, nella Renania Palatinato, dove sono state registrate 18 vittime. In questa regione sei case sono state travolte e spazzate via dal fiume Ahr, altre sono ancora a rischio. La polizia ha spiegato che "molte delle persone" che risultano disperse si trovavano sui tetti delle abitazioni investite dalla piena del fiume nel comune di Schuld. Tra le vittime due vigili del fuoco, morti mentre cercavano di evacuare delle persone da edifici ad Altena e Wedohl (Renania Settentrionale-Vestfalia). Altre due vittime annegate nelle cantine allagate vicino Solingen e Unna, e due a Colonia: un uomo e una donna. Nella zona a sud della città,a Euskirchen, le vittime sarebbero 20, riferisce la polizia della Vestfalia.

In centinaia sono stati portati in salvo grazie a delle imbarcazioni nella zona di Kordel, uno dei centri particolarmente colpiti, perchè si trova sul fiume Kyll, un affluente della Mosella. L'esercito è intervenuto per i soccorsi con 500 soldati in sei circoscrizioni. 

Fra le vittime dell'alluvione che ha colpito il Land tedesco della Renania-Palatinato ci sono anche nove persone con disabilità: non si è riusciti a portarli in sicurezza in tempo, nelle operazioni di salvataggio avvenute in un istituto dove il flusso dell'acqua ha fatto irruzione. Nella regione, il bilancio provvisorio è di 28 vittime, ma potrebbe aumentare perché risultano disperse 40-60 persone. Nel Nordreno-Vestfalia le vittime sono state 30 e 57 i feriti.

image

I dispersi

In Germania altre 1.300 persone risultano disperse nella circoscrizione di Bad Neuahr-Ahrweiler, nella Renania-Palatinato, colpita dall'alluvione, ha confermato all'Ansa una portavoce dell'amministrazione locale, che ha però subito precisato: "la rete di telefonia mobile è in tilt, e dunque molte persone non riescono a raggiungere i propri parenti". La portavoce ha anche affermato che ci sono altre vittime, ma che per ora non si forniscono altri bilanci. 

Merkel sconvolta

La cancelliera tedesca Angela Merkel, che si trova negli Stati Uniti per incontrare il presidente americano Joe Biden alla Casa Bianca, ha dichiarato: "Sono sconvolta dalla catastrofe che così tante persone devono sopportare nelle aree allagate. La mia solidarietà va alle famiglie dei morti e dei dispersi". Quanto alle vittime, "non sappiamo ancora il numero, ma saranno molte - ha commentato Merkel - Piango per coloro che hanno perso la vita in questo disastro, sarà fatto il possibile per salvare le vite di coloro che sono nelle condizioni peggiori, per evitare rischi futuri e per aiutare chi è in difficoltà".

"Gli effetti della catastrofe climatica sono già qui", ha commentato la verde Katrin Goerig-Eckardt, a NTV. Il vicecancelliere Olaf Scholz su Twitter: "Le notizie sull'acqua alta allarmano e scioccano. Adesso bisogna agire in fretta con gli aiuti". Il ministro-presidente del Nordreno-Vestfalia, Armin Laschet, alla stampa ha detto: "Non abbiamo ancora un'immagine chiara di quante siano le vittime", e ha aggiunto che "si cercano dispersi con gli elicotteri". Hagen è uno dei luoghi più colpiti dai danni, Laschet ha definito "la situazione drammatica". Il governatore ha espresso cordoglio per due vigili del fuoco che hanno perso la vita nei soccorsi.

image

Morti anche in Belgio

Il maltempo sta interessano anche altri Paesei del nord Europa. Almeno 12 le vittime accertate in Belgio, di cui 4 corpi sono stati ritrovati dai soccorritori nel distretto di Verviers. I dispersi sarebbero almeno 5. Anche sul Belgio si sono riversate piogge violente, colpendo in particolare in Vallonia: Theux, Pepinster e Spa, tutte vicine a Verviers, le più danneggiate. Il fiume Mosa è uscito dagli argini a Namur, a circa sessanta chilometri a sud di Bruxelles. A Liegi le autorità hanno chiesto alla popolazione di evacuare le case situate in prossimità della Mosa. 

Olanda, evacuazione da Maastricht

La città meridionale olandese di Maastricht ha chiesto a 10mila persone di lasciare le loro case per il rischio inondazioni. Diversi quartieri di questa città della provincia del Limburgo dovranno essere evacuati, ha detto in serata il comune, spiegando che la Mosa uscirà dagli argini questa notte e inonderà diverse aree residenziali.  Anche la città di Roermond ha iniziato l'evacuazione di alcuni quartieri, dove vivono centinaia di persone. I livelli dei fiumi sono saliti rapidamente dovuto all'arrivo di grandi masse d'acqua da Belgio e Germania. L'esercito olandese è stato mobiliato con centinaia di uomini. Il re e la regina hanno vistato in serata alcune zone allagate, parlando con sindaci e cittadini.

(L'articolo prosegue sotto i video)

image

Le reazioni

"L'Unione europea è pronta ad aiutare", ha scritto su Twitter la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. "Il mio pensiero va alle famiglie delle vittime delle devastanti inondazioni in Belgio, Germania, Lussemburgo e Paesi Bassi e a coloro che hanno perso la loro casa", spiegando che i paesi interessati possono ricorrere al meccanismo di protezione civile dell'Ue. Stesso cinguettio da parte del presidente del Consiglio europeo, Charles Michel: "Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi e Germania potete contare sull'aiuto dell'Ue per far fronte a queste drammatiche inondazioni".

Il messaggio del Papa

Il Papa è "profondamento colpito" dalle notizie del grave nubifragio e delle alluvioni in Germania. Il Pontefice "ricorda nella preghiera le persone che hanno perso la vita ed esprime ai familiari la Sua profonda partecipazione. Prega particolarmente per le persone che risultano ancora disperse, per i feriti e per quanti hanno subito danni o perso i propri beni per la forza della natura. Assicurando a loro, nonché alle forze di pronto intervento e ai soccorritori la Sua vicinanza spirituale, Papa Francesco implora su tutti l'aiuto e la protezione di Dio".