1 gen 2022

Saldi 2022 gennaio, quando iniziano: il calendario dalla Lombardia alla Sicilia

Le date invernali di inizio e fine stagione, regione per regione. Dieci regole (anche anti Covid) per negozianti e consumatori 

Roma, 1 gennaio 2022 - Archiviati i festeggiamenti di Capodanno è già tempo di saldi. Comincia infatti domani la stagione dei ribassi invernali: a fare da apripista sono Sicilia e Basilicata, che danno ufficialmente il via agli sconti domenica 2 gennaio. Lunedì 3 gennaio sarà la volta della Valle d'Aosta, mentre le altre Regioni partiranno il 5 gennaio (qui sotto il calendario completo con le date di inizio e fine). Un giro d'affari che Confcommercio stima in  4,2 miliardi di euro, l'equivalente di 119 euro a persona. Secondo Confesercenti il budget a testa sarà più alto: 150 euro circa. Si tratta comunque di numeri ancora lontani da quelli pre-crisi.

Approfondisci:

Ponti 2022: il calendario delle festività. Quali sono le date utili per scuola e lavoro

Sul risultato complessivo peserà la pandemia Covid, esplosa nelle ultime settimane sull'onda della variante Omicron, che comporta un abbassamento della fiducia e della propensione a spendere. Un sorriso lo strappano ai commercianti le nuove regole che alleggeriscono la quarantena per i vaccinati

Calendario dei saldi invernali regione per regione

(in ordine alfabetico)

Abruzzo: mercoledì 5 gennaio 2022 - sabato 5 marzo 2022
Basilicata: domenica 2 gennaio 2022 - mercoledì 2 marzo 2022
Calabria: mercoledì 5 gennaio 2022 - domenica 6 marzo 2022
Campania: mercoledì 5 gennaio 2022 - martedì 1 marzo 2022
Emilia Romagna: mercoledì 5 gennaio - 2022 sabato 5 marzo 2022
Friuli Venezia Giulia: mercoledì 5 gennaio 2022 - giovedì 31 marzo 2022
Lazio: mercoledì 5 gennaio 2022 - martedì 15 febbraio 2022
Liguria: mercoledì 5 gennaio 2022 - venerdì 18 febbraio 2022
Lombardia: mercoledì 5 gennaio 2022 - sabato 5 marzo 2022
Marche: mercoledì 5 gennaio 2022 - martedì 1 marzo 2022
Molise: mercoledì 5 gennaio 2022 - sabato 5 marzo 2022
Piemonte: mercoledì 5 gennaio 2022 - martedì 1 marzo 2022
Puglia: mercoledì 5 gennaio 2022 - 28 gennaio 2022
Sardegna: mercoledì 5 gennaio 2022 - sabato 5 marzo 2022
Sicilia: domenica 2 gennaio 2022  - martedì 15 marzo 2022
Toscana: mercoledì 5 gennaio 2022 - sabato 5 marzo 2022
Umbria: mercoledì 5 gennaio 2022 - sabato 5 marzo 2022
Valle d’Aosta: lunedì 3 gennaio 2022  - giovedì 3 marzo 2022
Veneto: mercoledì 5 gennaio 2022 - lunedì 28 febbraio 2022

Trentino Alto Adige
Bolzano, Oltradige e Bassa Atesina, Merano e Burgraviato, Valle Isarco e Alta Valle Isarco, Val Pusteria e Val Venosta: sabato 8 gennaio - sabato 5 febbraio 2022.
Marebbe, San Martino in Badia, La Valle, Badia, Corvara: sabato 5 marzo - sabato 2 aprile 2022
Comuni di Tires, Castelrotto, Renon, Ortisei, Santa Cristina, Selva Gardena, Marebbe, San Martino in Badia, La Valle, Badia, Corvara, Stelvio, Maso Corto, Resia, San Valentino alla Muta : sabato 5 marzo - sabato 2 aprile 2022.

Dieci regole (anche anti Covid) per negozianti e consumatori

Ecco cosa ricordare per un corretto acquisto degli articoli in saldo (secondo Confcommercio e Federmoda) 

 1. Cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (d.lgs. 6 settembre 2005, n. 206, Codice del Consumo). In questo caso scatta l'obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.
2. Prova dei capi: non c'è obbligo. È rimesso alla discrezionalità del negoziante.
3. Pagamenti: le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante e vanno favoriti i pagamenti cashless
4. Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo.
5. Indicazione del prezzo: obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.
6. Rispetto delle distanze: occorre mantenere la distanza di un metro tra i clienti in attesa di entrata e all'interno del negozio.
7. Disinfezione delle mani: obbligo di igienizzazione delle mani con soluzioni alcoliche prima di toccare i prodotti.
8. Mascherine: obbligo di indossare la mascherina fuori dal negozio, in store ed anche in camerino durante la prova dei capi
9. Modifiche e/o adattamenti sartoriali: sono a carico del cliente, salvo diversa pattuizione;
10. Numero massimo di clienti in store: obbligo di esposizione in vetrina di un cartello che riporti il numero massimo di clienti ammessi nei negozi contemporaneamente. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?