26 dic 2021

Nuovo codice della strada, ecco le multe che raddoppiano

Lotta all'inciviltà: sanzione fino a 866 euro per chi getta rifiuti dal finestrino e sporca la strada

rita bartolomei
Cronaca
featured image
Nuovo codice della strada 2021

Roma, 26 dicembre 2021 - Nuovo codice della strada e multe: occhio a queste  infrazioni. Che vi costeranno carissime. È utile quindi ripassare i comportamenti più censurati dalle norme che sono entrate in vigore il mese scorso. Sono infatti quaranta gli articoli del codice riscritti dal decreto Infrastrutture, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 9 novembre.
L’inasprimento delle sanzioni riguarda in particolare alcune abitudini incivili, dal gettere oggetti dai finestrini ad occupare abusivamente i parcheggi per disabili.

Approfondisci:

Animali esotici, in arrivo lista di quelli vietati. Dai serpenti alle tartarughe, scontro

Approfondisci:

Obblighi per le nuove auto da luglio. Dall'Isa alla scatola nera. Sistemi e scadenze

Approfondisci:

Nuovo codice della strada: cosa cambia dal 1 febbraio per auto e moto straniere

Insozzare la strada


“Insozzare la strada“ costa il doppio. Oscilla infatti tra 216 euro (minimo) e 866 (massimo) la multa prevista per questo comportamento incivile ma anche pericoloso per la sicurezza stradale. Un raddoppio netto delle sanzioni di prima (che prevedevano un minimo di 108 euro e un massimo di 433).

Lancio di oggetti


Punizioni servere anche per chi getta “dai veicoli in movimento qualsiasi cosa” (articolo 15 del codice). La multa prevista va da “euro 52 ad euro 204”, scrivono i legislatori. Prima quella base era di 26 euro, la massima di 52.

Approfondisci:

Bollo auto 2022, esenzioni e scadenza. Le 10 cose da sapere: siamo tra i più cari d'Europa

Parcheggi disabili


E costa carissimo parcheggiare nei posti riservati ai disabili senza averne l’autorizzazione o facendo un uso improprio della stessa. La multa parte da 168 euro e arriva a 672. Non solo. Sanzione amministrativa da 87 a 344 euro per “chiunque usa delle strutture (...), pur avendone diritto, ma non osservando le condizioni ed i limiti indicati nell’autorizzazione prescritta”. Inoltre dal 1° gennaio sarà consentito ai disabili di parcheggiare anche nelle strisce blu, "qualora risultino già occupati o indisponibili gli stalli a loro riservati".

Raddoppio infine delle sanzioni previste dall'articolo 158. Chi usa un posto riservato ai disabili "è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 80 ad euro 328 per i ciclomotori e i motoveicoli a due ruote e da euro 165 ad euro 660 per i restanti veicoli".

 

Strage di punti


Perde quattro punti della patente (e non più 2) chi parcheggia nei posti riservati ai disabili senza averne titolo. Triplicano i punti decurtati, da 2 a sei, per chi usa un contrassegno non valido (ad esempio una fotocopia, un’autorizzazione di qualcun altro o già scaduta). E per conoscere lo stato di salute della vostra patente? "Ogni variazione di punteggio - hanno quindi stabilito i legislatori - è comunicata tramite il portale dell’automobilista con le modalità indicate dal Dipartimento per la mobilità sostenibile - Direzione generale per la motorizzazione e per i servizi ai cittadini e alle imprese in materia di trasporti e navigazione del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili". Insomma, niente più lettera a casa.

In motorino senza casco

Con la mini riforma del codice, se il trasportato non indossa il casco la multa per il conducente scatta anche nel caso di passeggeri maggiorenni (mentre nella versione precedente era limitata ai minorenni). Invariata la cifra, che va da 83 euro a 332, come previsto dall'articolo 171. Infine, se pensate di essere stati multati ingiustamente ricordate: il ricorso al prefetto è possibile anche via Pec.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?