1997, i Vigili del Fuoco rompono la teca contenente la Sacra Sindone (Ansa)
1997, i Vigili del Fuoco rompono la teca contenente la Sacra Sindone (Ansa)

Bologna, 15 aprile 2019 - Incendio nella cattedrale di Notre Dame, e la memoria corre subito a un'altra sera di metà aprile, quando a bruciare fu la cappella che conteneva la Santa Sindone, a Torino. Il rogo, causato da un cortocircuito, durò tutta la notte fra venerdì 11 e sabato 12 aprile del 1997. Come oggi Notre Dame, la cappella della Sindone, che si trova tra la Cattedrale e Palazzo Reale, era sottoposta a lavori di ritrutturazione. Proprio i lavori furono il motivo del 'miracolo': danni ingentissimi alla cappella barocca seicentesca progettata da Guarino Guarini, decine di quadri di valore bruciati nel torrione nord-ovest, ma la Sindone restò intatta. Un mese e mezzo prima era stata spostata dalla sua collocazione nella cappella del Guareschi, messa al centro del coro della Cattedrale, e superprotetta con una struttura di cristallo antiproiettile e antisfondamento. Il mondo ricorda la immagini drammatiche di quella notte: la teca venne rotta e la Sindone venne portata fuori e spostata per timore di un crollo della cupola della Cattedrale, e per evitare i danni dell'acqua degli idranti. Ci sono voluti oltre vent'anni per vedere la reliquia ricollocata nella Cappella: i lavori, iniziati nel 2008, sono terminati nel 2018.

Poco più di un anno prima, il 29 gennaio 1996, un altro incendio aveva devastato (e distrutto completamente), un luogo simbolo della cultura italiana: il teatro La Fenice di Venezia. In questo caso il rogo fu doloso, appiccato da due elettricisti in ritardo su lavori di manutenzione (identificati e condannati). Più veloce la ricostruzione: il concerto con cui Riccardo Muti inaugurò il nuovo teatro si tenne il 14 dicembre 2003.

false

Lunga, lunghissima invece la ricostruzione di un altro teatro storico italiano, il Petruzzelli di Bari, andato a fuoco sempre per cause dolose nella notte fra il 26 e il 27 ottobre 1991, dopo che, ironia della sorte, l'ultimo spettacolo messo in scena prevedeva proprio un incendio (la scena finale della Norma di Bellini). Crollò la cupola centrale, e seguì una lunghissima inchiesta giudiziaria, che anche in questo caso vide la condanna degli esecutori materiali. Sono serviti diciotto anni perché le prime note tornassero nel teatro: quelle della Nona sinfonia di Beethoven.

VIDEO Notre Dame, il crollo della guglia

FOTO Le impressionanti immagini della cattedrale