Jean Claude Juncker e Antonio Tajani (LaPresse)
Jean Claude Juncker e Antonio Tajani (LaPresse)

Roma, 4 luglio 2017 - Tensione in Europa sull'emergenza migranti. L'Ue è divisa sul fronte solidarietà. Se Francia e Spagna si dicono contrarie a sbarchi nei loro porti, ad alzare barriere ci pensa anche l'Austria. Vienna è infatti pronta a schierare fino a 750 militari al Brennero "molto presto" se il flusso di migranti dall'Italia non diminuirà, ha annunciato il ministro della Difesa austriaco Hans Peter Doskozil al quotidiano Kronen Zeitung. Dichiarazioni che hanno suscitato la reazione della Farnesina che ha ufficialmente convocato al Ministero degli Esteri l'ambasciatore austriaco a Roma, René Pollitzer. Intanto il ministro degli Interni Marco Minniti si dice sorpreso dalle parole dell'Austria. "Come risulta evidente - spiega Minniti - non c'è alcuna emergenza al valico del Brennero e i rapporti di cooperazione con la polizia austriaca funzionano perfettamente. Si tratta, quindi, di una iniziativa ingiustificata e senza precedenti che se non immediatamente corretta comporterà inevitabili ripercussioni nella cooperazione in campo di sicurezza tra due Paesi che hanno fatto dell'amicizia e delle positive relazioni transfrontaliere un elemento fondamentale dei loro rapporti".

LE MOSSE DI VIENNA - "Credo che molto presto saranno attivati controlli alle frontiere e ci sarà bisogno di un dispiegamento dell'esercito", ha dichiarato il ministro austriaco sottolineando che la misura sarà "indispensabile se l'afflusso di migranti dall'Italia non diminuisce". Le forze militari, secondo il ministro, possono essere "pienamente operative entro 72 ore, in caso di allarme lanciato dai servizi competenti". Parte del dispiegamento, inoltre, può essere in azione in tempi ancora più veloci, secondo i collaboratori di Doskozil citati dalla testata austriaca. Inoltre, domenica il ministero della Difesa ha inviato quattro carri armati in Tirolo, in modo che siano pronti a essere utilizzati per bloccare le strade al valico se necessario (VIDEO).

IL PIANO UE PER L'ITALIA  - Nel frattempo, filtra da Bruxelles il piano d'azione per alleviare la pressione migratoria sull'Italia, stabilito dai commissari europei nel collegio di oggi. Sarebbero quei "fatti" con cui, diceva stamattina il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker, l'Europa voleva dimostrare "che vogliamo rimanere solidali, soprattutto con l'Italia".

Ebbene, la Commissione si impegna a sostenere "l'organizzazione di un Centro di coordinamento per i salvataggi in mare pienamente operativo in Libia". Invita quindi Tunisia e Libia a dichiarare le rispettive aree di ricerca e salvataggio (Sar) e a istituire un centro ufficiale di coordinamento e soccorso marittimo. I due Paesi non hanno mai istituito le loro Sar, che servono a delimitare l'area di mare per cui sono competenti per le operazioni di 'search and rescue'.

Bruxelles sollecita poi gli Stati membri a contribuire maggiormente al Fondo per l'Africa, per completare il contributo da 2,6miliardi di euro dal budget europeo, ad accelerare i ricollocamenti dall'Italia, ad andare avanti sulla riforma del regolamento di Dublino, oltre a mobilitare le loro capacità per sostenere i rimpatri dei migranti irregolari dall'Italia. 

SCONTRO TAJANI-JUNCKER - Nervi tesi anche al Parlamento europeo. In plenaria si assiste a un duro scontro tra Jean-Claude Juncker e il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani.  Juncker, che avrebbe dovuto parlare dei risultati della presidenza maltese e della crisi migratoria, si è lamentato per i pochi parlamentari presenti in aula. "Siete ridicoli", ha attaccato, aggiungendo che "se il signor Muscat (il premier di Malta, ndr) fosse stato la signora Merkel o il signor Macron, avremmo avuto l'aula piena". Il presidente della commissione è stato subito ripreso da Tajani. "Moderi i termini - l'ha interrotto - è la Commissione sotto il controllo del Parlamento non il contrario". Ma Juncker ha insistito, accusando ancora i deputati europei di essere "ridicoli" e rinunciando al suo intervento. "Il Parlamento deve rispettare le presidenze di un piccolo Paese, cosa che il Parlamento non sta facendo", ha attaccato, interrompendo il suo breve discorso senza parlare dei temi affrontati durante la presidenza maltese.

Dopo lo scontro, Tajani e Juncker si sono incontrati per un chiarimento. Lo rende noto il portavoce di Tajani: "Juncker ha detto di essere dispiaciuto per le parole utilizzate durante il dibattito, per Tajani l'incidente è chiuso". Il presidente dell'Eurocamera ha quindi sottolineato "l'importanza della cooperazione tra le istituzioni europee a favore dei cittadini".

image

I NUMERI - Intanto, l'Oim, Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, da Ginevra diffonde il suo consueto aggiornamento: da gennaio ad oggi sono arrivati in Europa attraversando il Mediterraneo più di 100mila tra migranti e rifugiati; e 2.247 persone sono morte o risultano disperse. Delle oltre 100mila, più di 85mila persone sono sbarcate in Italia e quasi 9.300 in Grecia; in Spagna invece ne sono arrivate circa 6.500.

image