I timori di contagiare i parenti ma anche l’aumento vertiginoso dei casi ha fatto impennare le prenotazioni di tamponi rapidi: 700mila al giorno, il 20% in più rispetto ai giorni prima delle festività. Sono cresciute a livelli esponenziali le richieste di esami (dalle indagini di laboratorio più sofisticate ai kit fai-da-te) mandando in affanno ambulatori, drive-in e gazebo. Ai primi sintomi di malessere, o nel dubbio dopo un contatto ravvicinato con un Covid-19, tutti si precipitano a fare un tampone, vaccinati e no. Ma quando è opportuno fare gli accertamenti? Lasciamo agli specialisti il compito di decidere. Tampone molecolare, rapido o fai da te: ecco quando farli con le nuove regole Covid Tampone molecolare, rapido o fai da te: differenze e quanto sono affidabili Covid e quarantena, cosa...

I timori di contagiare i parenti ma anche l’aumento vertiginoso dei casi ha fatto impennare le prenotazioni di tamponi rapidi: 700mila al giorno, il 20% in più rispetto ai giorni prima delle festività. Sono cresciute a livelli esponenziali le richieste di esami (dalle indagini di laboratorio più sofisticate ai kit fai-da-te) mandando in affanno ambulatori, drive-in e gazebo. Ai primi sintomi di malessere, o nel dubbio dopo un contatto ravvicinato con un Covid-19, tutti si precipitano a fare un tampone, vaccinati e no. Ma quando è opportuno fare gli accertamenti? Lasciamo agli specialisti il compito di decidere.

Tampone molecolare, rapido o fai da te: ecco quando farli con le nuove regole Covid

Tampone molecolare, rapido o fai da te: differenze e quanto sono affidabili

Covid e quarantena, cosa succede ora. Ecco come potrebbero cambiare le regole

Contatto sospetto, cosa devo fare?

In presenza di sintomi sospetti (febbre, segni respiratori, quadri di tipo influenzale), per accertare la natura del malessere, chiedete al medico. "I casi sospetti – ha spiegato Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale (Simg) – vanno muniti di mascherina filtrante tipo Ffp2, e una volta isolati, si dovrà effettuare un’indagine epidemiologica sui contatti degli ultimi giorni, richiedendo un tampone molecolare laddove ritenuto opportuno".

Quarantena: nuove regole e quanti giorni. Quando entra in vigore il Decreto

Cena da partenti, ha senso un test prima?

Migliaia di persone in Italia si sono sottoposte in questi giorni a un test estemporaneo, prima di riunirsi a tavola con parenti o amici. Sono comportamenti ispirati al principio di precauzione. "Un momento conviviale, senza un eccessivo numero di persone è ammissibile, dobbiamo però ricordare che anche tra i vaccinati un margine di rischio c’è, quindi magari non dispiacerebbe un test antigenico prima di andare a trovare il nonno, per essere tutti più sereni", ha dichiarato Carlo Signorelli, past president della Società italiana di igiene (Siti).

Incontro un positivo, sono a rischio?

In caso di contatto sporadico a basso rischio, pochi minuti (sotto ai 15) al cospetto di una persona poi risultata positiva al Covid-19, possiamo stare abbastanza tranquilli, niente quarantena. In caso di contatto stretto prolungato e ravvicinato è necessario allertare il medico, anche se non compaiono sintomi nei giorni successivi all’incontro occasionale.

Il sierologico è un'alternativa?

Occorre distinguere tra i soggetti che hanno avuto il Covid, nei quali l’esame sierologico depone per un’infezione pregressa, e la diagnosi con tampone molecolare che identifica con precisione superiore al 99% la presenza del virus Sars-Cov2 nelle secrezioni raccolte dalle fosse nasali o dalla mucosa del cavo orale e della faringe.

Tamponi fai da te o self-test salivari?

"I tamponi fai-da-te possono aiutare – ha spiegato Fabrizio Pregliasco, virologo della Statale di Milano, in merito all’attendibilità dei self test – ma è chiaro che qualche positivo potrebbe sfuggire". Quanto al tampone salivare, anche qui serve attenzione: nel raccogliere i campioni si può perdere una quota di carica virale. Però alcuni test salivari possono dare un contributo: funzionano come una rete a maglie larghe, quindi con qualche problema di falsi negativi". Fra i test rapidi "il self test salivare – precisa Pregliasco – è quello con minore sensibilità. Un livello medio di sensibilità invece per i test fai-da-te con tampone nasale: con una maggiore affidabilità e correttezza di esecuzione per quelli fatti in farmacia".

Come incrementare i livelli di sicurezza?

Mascherine, igienizzazione delle mani e vaccini sono sempre fondamentali, ma risulta nondimeno importante rilevare regolarmente la temperatura corporea, stare distanziati anche più di due metri in presenza di estranei, allontanarsi dagli assembramenti, aerare i locali e trattenersi all’interno il minimo indispensabile se gli ambienti sono frequentati da più persone.

Covid Italia, il bollettino del 28 dicembre