18 ott 2021

Covid, il miraggio dell’immunità di gregge. Adesso serve il 90% di vaccinati

Soglia in continuo rialzo, dal 70% iniziale. Gli scienziati: i titubanti dell’antidoto allontanano l’obiettivo

alessandro malpelo
Cronaca
Una ragazza si vaccina contro il Covid nell’hub Fiera levante a Bari. In alto, il direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza
Una ragazza si vaccina contro il Covid

Roma, 18 ottobre 2021 - L’immunità di gregge nei confronti del Covid-19 è quella condizione di equilibrio grazie alla quale potremo ristabilire contatti sociali senza barriere, senza temere per la nostra incolumità e quella degli altri. Oggi inseguiamo il miraggio del 90% di copertura vaccinale. Questo valore si calcola in maniera empirica, in rapporto alla percentuale di vaccinati. Più gli individui sono protetti, più si limita la circolazione del virus, e calano i nuovi casi. Ma il SarsCoV2 cambia le carte in tavola, e sembra non ci sia mai nulla di definitivo. Covid oggi 18 ottobre: bollettino Italia e dati dalle regioni DA QUALI NUMERI SIAMO PARTITI? In Italia nel luglio scorso la protezione generata dai vaccini rispetto alle ospedalizzazioni era del 94,57%, e scongiurava il ricorso alla terapia intensiva nel 97,3% dei casi. Questo vale anche per la variante Delta, predominante in Europa. Eppure la schiera dei titubanti (quelli che potrebbero vaccinarsi ma ancora mancano all’appello) impedisce il raggiungimento dell’immunità di gregge, soglia che nel caso del virus Sars-Cov2, l’anno scorso, era stata fissata prima al 70%, poi all’80% dei vaccinati. Ora l’Oms prevede l’interruzione della catena dei contagi al raggiungimento del 90% della popolazione vaccinata (l’Italia si colloca all’81%, siamo ai primi posti in Europa, a un passo dal traguardo). COME SI CALCOLA IL VALORE SOGLIA? "All’inizio – ha dichiarato Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione del ministero – pensavamo fosse possibile tenere sotto controllo l’infezione raggiungendo una copertura vaccinale intorno al 70%, perché c’è una formula che definisce il valore al di sopra del quale si ottiene l’immunità di comunità. Uno degli elementi considerati in questo calcolo è l’indice di trasmissibilità (R0). Nel caso della variante Wuhan, cioè del ceppo originale l’indice era circa 3. In assenza di interventi, all’inizio, una persona ne contagiava in media altre tre". Dunque si stimava ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?