26 feb 2022

Guerra in Ucraina. "Mio figlio al fronte circondato dai russi. Non si arrenderà"

Il dramma dell’italo-ucraino Pavel Quaglia, 24 anni. Il padre: "Il suo battaglione ormai è allo stremo"

silvia santarelli
Cronaca
A sinistra, Pavel Quaglia, 24, anni assieme al padre Claudio, di 62, in un’immagine di qualche anno fa; qui sopra, una foto del ragazzo in un hangar ucraino: il giovane, ingegnere aeronautico, sta combattendo per il suo Paese
Pavel Quaglia in un hangar ucraino

«Mio figlio non si arrenderà mai". Sono giorni interminabili quelli di Claudio Quaglia, interprete senigalliese che vive con il cellulare in mano in attesa di avere notizie del figlio Pavel (mamma ucraina), 24 anni, ingegnere aeronautico, che dopo aver concluso l’accademia militare è in prima linea a poca distanza da Odessa, una delle città assediate dai russi. "Sono trascorsi quattro giorni dall’ultima volta che ci siamo parlati – spiega –, riesco ad avere sue notizie attraverso altri canali. Sono stati accerchiati, hanno chiesto loro di arrendersi, ma so che mio figlio non lo farà mai". Quaglia ora vive in Friuli Venezia Giulia, mentre l’ex compagna, assieme a Pavel è rimasta in Ucraina dove aveva conosciuto il papà del ragazzo: "Siamo in costante contatto – prosegue – è terrorizzata. Vive nascosta, riesce a mandarmi qualche video. I filorussi entrano nelle case e rubano tutto, dal cibo ai medicinali. C’è bisogno di aiuti umanitari, sto cercando di organizzarmi assieme alla Croce Rossa per raccogliere cibo e medicine". Ci sono giovani che imbracciano il fucile e cercano di difendere il loro Paese: "Sono ovunque – afferma – la gente ha paura, non ci si può difendere. Arrivano dal mare, dal cielo e come barbari non guardano in faccia a nessuno. Mio figlio è assieme ad altre centinaia di giovani, alcuni esperti, altri meno, ma tutti con l’obiettivo di difendere la loro terra, il loro popolo. Da aerei ed elicotteri russi sono piovuti biglietti, con l’invito ad arrendersi". Il telefono di Claudio Quaglia, nato a Resia nel 1961 ma trasferitosi a Senigallia subito dopo, squilla continuamente. Ha sei fratelli che vengono aggiornati via social continuamente. Tutti, parenti e amici, si preoccupano per le sorti di Pavel, un giovane eroe che, come migliaia di altri coetanei, rischia la vita per il suo Paese. "Sappiamo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?