Campi Bisenzio, 15 settembre 2021 - Alla Gkn di Campi arriva l'ex premier e leader del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte ma gli operai non lo fanno entrare in fabbrica. Nella giornata odierna, durante il tour toscano in vista delle elezioni del 3 e 4 ottobre, l'ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte fa tappa anche a Campi Bisenzio per un veloce incontro con i lavoratori della Gkn in presidio permanente da oltre due mesi. Insieme a lui c'è anche la viceministra del Mise, la pentastellata Alessandra Todde. L'accoglienza per entrambi è 'freddina'.

"Dal 4 agosto non abbiamo avuto più notizie dal governo" tuona Matteo Moretti della Rsu di Gkn e, rivolgendosi alla viceministra, aggiunge: "Vogliamo la sospensione della procedura di licenziamento. Poi si discute il resto". I lavoratori vogliono chiarezza e risposte. La vertenza è a un punto critico: nel tavolo tecnico di fine agosto, l'azienda ha confermato di fatto la procedura di licenziamento dei lavoratori, mentre il tavolo istituzionale del 4 agosto è rimasto sospeso e dalla Gkn di Campi la viceministra ha annunciato che sarà convocato per il 20 settembre.

Per le tute blu di Campi il tempo stringe: il 22 settembre scadono i 75 giorni della trattativa e dal giorno successivo potrebbero arrivare le lettere di licenziamento. "Non osate far partire quelle lettere" dicono i lavoratori, spiegando velocemente a Conte la situazione in una chiacchierata molto informale davanti ai cancelli della fabbrica. Le Rsu di Gkn colgono l'occasione per ribadire dubbi e perplessità sul testo del decreto legge anti delocalizzazioni in via di scrittura - che porta le firme della Todde e del ministro del Lavoro Andrea Orlando - e illustrano (e consegnano) i principi che secondo loro dovrebbe contenere una norma finalizzata a contrastare lo smantellamento del tessuto produttivo e a garantire il mantenimento dei livelli occupazionali. "Continuerò, come sempre ho fatto, a metterci la faccia impegnandomi, con tutti gli strumenti a disposizione, a evitare che situazione come questa possano ripetersi" dichiara la viceministra. "Tutto il Movimento 5 stelle è con voi" assicura Conte ai lavoratori ma alla richiesta di visitare lo stabilimento la risposta è "no".