Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
23 mag 2022

Giovanni Falcone, 30 anni fa la strage di Capaci. Mattarella: "Lotta senza pause"

Il presidente della Repubblica al Foro Italico a Palermo: "Coltivava il coraggio contro la viltà". La sorella Maria: "Non voleva essere un eroe"

23 mag 2022

Palermo, 23 maggio 2022 - Sono passati 30 anni da quel 23 maggio 1992 quando a Capaci, sulla strada del ritorno da Roma, il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, e gli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro vengono uccisi dalla mafia in un attentato che segnerà per sempre la storia del Paese. Alle 17:58, al passaggio con la scorta per Capaci, 1000 kg di tritolo sistemati all'interno di fustini in un cunicolo di drenaggio sotto l'autostrada esplodono investendo in pieno il corteo di auto e uccidendo sul colpo gli agenti Montinaro, Schifani e Dicillo. Un'ora e sette minuti dopo l'attentato, Giovanni Falcone muore dopo alcuni disperati tentativi di rianimazione. Francesca Morvillo, sua moglie, morirà verso le 22:00.

Falcone, perquisizioni a Report e al giornalista Mondani dalla Dia

Approfondisci:

Strage di Capaci 30 anni fa, Festival della Giustizia Penale omaggia il 'metodo Falcone'

La strage di Capaci (Ansa)
La strage di Capaci (Ansa)

Mattarella a Palermo

Sono tantissime le iniziative organizzate in occasione del 30esimo anniversario della strage. Il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, si è recato al Foro Italico, a Palermo, per la cerimonia del trentennale della strage. È stato accolto dagli applausi delle migliaia di persone che hanno partecipato all'evento.

"La fermezza del suo operato nasceva dalla radicata convinzione che non vi fossero alternative al rispetto della legge, a qualunque costo, anche a quello della vita. Con la consapevolezza che in gioco fosse la dignità delle funzioni rivestite e la propria dignità. Coltivava il coraggio contro la viltà, frutto della paura e della fragilità di fronte all'arroganza della mafia. Falcone non si abbandonò mai alla rassegnazione o all'indifferenza", sono state le parole di Mattarella. 

"Onorare oggi la memoria di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino vuol dire rinnovare quell'impegno, riproponendone il coraggio e la determinazione. L'impegno contro la criminalità non consente pause né distrazioni. Giovanni Falcone diceva che "l'importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa. Ecco, il coraggio è questo, altrimenti non è più coraggio ma incoscienza". "Agiva non in spregio del pericolo o alla ricerca di forme ostentate di eroismo bensì nella consapevolezza che l'unico percorso possibile fosse quello che offre il tenace perseguimento della legalità, attraverso cui si realizza il riscatto morale della società civile", è ancora il presidente della Repubblica.

Sul palco si sono alternati il capo dello Stato, la presidente della Fondazione Falcone Maria Falcone, esponenti delle istituzioni come i ministri dell'Istruzione Patrizio Bianchi, dell'Interno Luciana Lamorgese, della Giustizia Marta Cartabia, dell'Università Maria Cristina Messa, degli Esteri Luigi Di Maio e il capo della Polizia Lamberto Giannini, il procuratore nazionale antimafia Giovanni Melillo, il procuratore di Roma Francesco Lo Voi.

"Lui non voleva essere un eroe, lui voleva essere un magistrato che faceva solo il proprio dovere. Ma ora cerchiamo di pensare al futuro di questa nostra città", ha detto la sorella Maria Falcone, che ha poi ringraziato il Presidente della Repubblica e tutte le autorità presenti, ma ha ringraziato soprattutto i giovani: "dico grazie a tutti, grazie ai ragazzi e agli insegnanti". 

Falcone inedito: "Cosa nostra non sbaglia mai un omicidio"

Fiammetta Borsellino

"Ricordare vuol dire riappropriarsi delle testimonianze di vita di determinati uomini affinché diventino patrimonio di tutti noi, lo dico sempre ai ragazzi perché costituiscano un faro per il nostro avvenire. Solo così la vita può avere una prevalenza sulla morte. Ricordare non può essere una mera celebrazione, non può essere una santificazione perenne, quando ciò accade diventa retorica, un oppio, e svia dai problemi. La memoria non può essere disgiunta dalla ricerca della verità. In questi anni abbiamo assistito a tantissime celebrazioni ma il diritto alla verità su queste terribili vicende, che io definisco una ferita collettiva, non individuale, è stato totalmente calpestato attraverso percorsi voluti e depistaggi".

Ad affermarlo è Fiammetta Borsellino ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa su Rai3. La verità disattesa, rileva, "parte innanzitutto in quei 57 giorni che intercorrono tra la strage di Capaci e quella di via D'Amelio. Lì inizia il depistaggio perché a mio padre fu impedito di riferire quello che stava facendo anche in riferimento a delle indagini sulla morte di Falcone. Lui chiese alla Procura di Caltanissetta di essere sentito ma non lo vollero mai ascoltare, tant'è che al famoso discorso alla Biblioteca Comunale di giugno in un atto di disperazione si mise in pericolo dicendo di sapere ma che avrebbe riferito solamente alle autorità giudiziarie. Fu gettato in una solitudine assoluta, che poi è l'origine della maggiore esposizione al pericolo: tutti coloro che sono morti in quegli anni, sono morti sicuramente per mano mafiosa ma principalmente perché lo Stato italiano non è stato in grado di difendere i suoi uomini migliori".

(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)
(Ansa)

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?