Ultima coda sulla 24 Ore.

RICCRIS SCRIPSIT

All you need is love…

“All you need is love” cantavano del 1967 i quattro capelloni di Liverpool…”tutto ciò di cui hai bisogno è amore”…

E “all you need is love” potrebbe essere l’incoraggiamento ad un presidente un po’ algido, un po’ “impalpabile” nell’universo Ferrari da corsa…

“All WE need is love”, passatemi la piccola modifica…l’amore, per le corse ovviamente…quello che spinge un signore di 70 anni a mettersi le mani in tasca e inseguire un sogno coltivato da decenni…portare una sua macchina a Le Mans, e magari fare anche bella figura.

Un 70enne che se n’è rimasto per quasi 30 ore – eh si, la gara dura 24 ore, ma al muretto si soffre e si lavora da ben prima che la gara inizi – lì al muretto a guardarsi le sue macchine, a coccolarle con gli occhi, a soffrire, a parlare con i suoi piloti ed i suoi meccanici…

Un vecchietto che ha fatto tutto questo per passione, profonda passione, e con dentro il cuore proprio quel marchio che è anche nel cuore dell’impenetrabile Elkann; ma che la passione sa come trasformarla in possibilità di business – vi ricorda per caso qualcuno ? Un altro “terribile vecchio” che costruiva la sua fama a suon di vittorie, baloccandosi col far desiderare le sue auto ai clienti più famosi anche quando invece le aveva pronte in garage…? – perché se da un lato è nota ormai la passione del signor Glickenhaus per le corse, dall’altra forse non tutti sanno che ha costruito due macchine perché una è disponibile, per la modica cifra di 5 milioni di euro, per chiunque voglia comperarla e partecipare, quale team team “satellite”, affidandosi magari alle cure di quel volpone di Joest – 15 vittorie a Le Mans in totale tra Audi e Porsche ! – per farla correre…

Quindi tanta passione per le corse, ma anche per il business…esempio che non dovrebbe dispiacere ad un presidente che bada al sodo, e che ha già fatto un grande passo annunciando il rientro di Ferrari in quel Campionato che nel 2023 vedrà impegnati nomi come Ferrari, Audi, Porsche, Peugeot, Toyota, forse Aston Martin, e altri, e si avvia a diventare un nuovo “mondiale marche” come negli anni ’70 e ’80…

“All we need is love”…si, caro Elkann…tutto ciò di cui abbiamo bisogno è amore; per le corse, ovviamente. Si direbbe che dietro la sua maschera algida qualcosa si sia mosso…chi c’era prima di lei si stava innamorando…che stia davvero succedendo anche a lei ? Vedrà, è bellissimo !

E chissà che nei prossimi anni non si possa ricominciare a festeggiare…magari una volta in F1 e una volta nel WEC !

Come dite ? Anche tutti e due insieme ?

Un sogno alla volta, per favore…