Sul budget cap applicato alla Formula Uno scomoderò banalmente il budino.
Scopri se è buono solo mangiandolo.
A proposito di mangiare!
Io non invidio al mio amico Paolo Barilla i soldi o i rigatoni di famiglia.
Nossignore.
Gli invidio la vittoria nella 24 Ore di Le Mans. E la presenza nel salotto di casa della mitica 312 B di Forghieri, da lui restaurata e portata in pista nel Gp storico di Montecarlo.
Non tutti sanno che il suo papà, Pietro Barilla, era uno dei più cari amici del Drake. Un legame fortissimo tra emiliani veri, tra italiani coraggiosi.
Ebbene, Ferrari faceva avere a Barilla le trascrizioni delle sue mitiche conferenze stampa.
Mi sono commosso nel recuperare, grazie a Paolo, il dattiloscritto della conferenza del 23 ottobre 1981.
Mi sono commosso perché per la prima volta c’ero anche io e ritrovare il mio nome nella lista dei partecipanti mi ha intenerito. Quasi 40 anni dopo, ho respirato quella atmosfera, avevo le gambe di ricotta e fantozzianamente la salivazione azzerata, tanto che non osai proporre nemmeno lo straccio di una domanda.
Il Vecchio forse si accorse della mia timidezza e infatti alla fine del suo show mi volle salutare, si tolse gli occhiali scuri per scrutarmi meglio e mi fece un piccolo regalo che ovviamente custodisco come una reliquia.
Era l’autunno del 1981. Gilles Villeneuve aveva incredibilmente vinto, pochi mesi prima, a Montecarlo. Con un turbo.
Oggi, quasi quarant’anni dopo, parliamo inevitabilmente di budget cap e bla bla bla.
Io sono un superstite e di seguito riporto, dalla trascrizione, una risposta di Enzo Ferrari. A saper leggere, c’è tutto il senso di un tempo che è stato bello vivere. Sapendo che non tornerà.
“Il cambio automatico? Villeneuve mi ha dichiarato che il giorno che io lo montassi smetterebbe di correre, perché gli toglierei il piacere di dimostrare che è un pilota che sa guidare. Lui ritiene di non dover affidare a nessun automatismo il funzionamento della macchina, ma unicamente alle sue capacità manuali ed intellettuali. Anche se non approvo io accetto, perché è lui che deve correre. Mi piace Villeneuve com’è, perché vogliamo cambiarlo, perché dobbiamo trovargli dei difetti?”.
Ecco, abbiate pazienza.
Io vengo da quel mondo lì.
Al budget cap, preferisco il mio Jurassic Park.