Inizio a rispondere alle vostre domande, ringraziando tutti.
@Nigel73. Ovviamente tutti scommettono, extra Ferrari, sulla deflagrazione Vettel-Leclerc. Io preferisco sperare nella consapevolezza di entrambi e mi auguro naturalmente che la monoposto sia estremamente competitiva.
Di Kimi dirò che mi ha fatto una sorpresa bellissima tramite videochiamata il giorno di Capodanno. Quando gli ho raccontato che Robin vincerà il mondiale con la Rossa nel 2028 ha cominciato a ridere come un matto. E io pure.
@gil. Grazie per gli auguri.
@emiemi. Grande scrittore, 14 Olimpiadi, tra estive e invernali, vissute dal vivo sono un patrimonio emotivo che non scambierei con niente altro. Ho una miniera di aneddoti, forse davvero dovrei metterli nero su bianco finché la memoria funziona. Magari mi serve un bravo ghost writer…
@adrianov. Forghieri a volte è stato scioccamente “dimenticato” da chi comandava in Ferrari. Tieni anche conto della sua età: non è che possa e voglia andare ovunque venga chiamato, eh.
@mumu. Non sono poche le cose del passato che vorrei rivedere nella F1 attuale. Ne scelgo una: i test durante la stagione. Era il bello dell’automobilismo, quando una macchina, provando e riprovando, riusciva a risalire la china…
@uomo sul bidone. Non preoccuparti per la mia stanchezza, io sono fisiologicamente suonato (e figuriamoci quando pedalo!). Sul Canada dissi subito che era una decisione sbagliata e infatti “dopo” la Fia ha corretto i criteri sanzionatori (vedi Austria). Non sono in grado di affermare cosa avrebbero deciso, a Montreal, i giurati a ruoli invertiti. È un bel giochino, fa venire in mente una massima andreottiana ma i processi alle intenzioni non mi piacciono. Fu un errore e stop.
@pask7. “Fabbricarsi” in casa il pilota non è poi una cosa così…moderna. Pensa alla McLaren di Dennis con Hamilton e se vuoi anche al Drake che scommette su Gilles con appena un Gp alle spalle! Certo oggi, con le Accademie, lo schema ha acquisito una valenza più consistente, diciamo così.
@gabriele. Mi chiedi quando la Ferrari sarà, anche aerodinamicamente, più efficiente della Mercedes (e della Red Bull). Rispondo che, a oggi, ancora non ci siamo.
@matteo. No, non ho alcuna confidenza con Vettel (e nemmeno con gli altri piloti contemporanei, tolto un paio di eccezioni). Ormai sono un maturo signore di campagna! Ma Seb umanamente mi è sempre piaciuto e spesso trovo eccessiva l’acrimonia che viene manifestata nei suoi confronti. Quanto al 1999, la Ferrari continuò a sviluppare l’auto anche dopo l’incidente di Silverstone e la prova…alla rovescia fu l’arcinota vicenda dei deflettori in Malesia.
@blade spirit. Intanto mi auguro di potermela ancora godere, la Formula Uno nel 2030. Poi, sai, i tempi cambiano ed è abbastanza normale che cambino anche le cose. Non tutte le innovazioni sono state buone, ma pretendere di ritrovare le monoposto del 2000, insomma, è un inno alla nostalgia ma è un errore. Una vettura di serie del 2020 non somiglia ad una vettura di serie del 2000…
@danielef1. Ma sai, le presentazioni delle nuove monoposto rispondono ad esigenze che non di rado sono promozionali, commerciali, ect. La Ferrari non è che faccia poi cose così smargiasse, comunque è ovvio che ad inizio stagione se ti chiami Ferrari tu debba dichiarare, con o senza sfarzo!, che punti alla vittoria. Cos’altro potrebbero dire?!?
@finoallafineforzaferrari. Per ragioni anagrafiche io Lauda l’ho conosciuto un po’ quando già aveva smesso di correre. Il ricordo più bello che ho di Niki è una conferenza quando era consulente Ferrari: non volle parlare di corse, ma del genocidio che si stava compiendo in Ruanda. Lauda era una bella persona, aveva maturato una sensibilità nei confronti della vita vera.
@luca ildibe. Prima di tutto, come dice Crozza quando imita Di Maio, bisognerebbe verificare se figure Top delle varie aree avrebbero tutta ‘sta voglia di venire in Ferrari. Io ho un grande rispetto per la memoria di Sergio Marchionne, ma non è che le vicende di Allison e Sassi siano state gestite in maniera esemplare. Aggiungo che la stabilità è un valore se credi nelle risorse umane che hai a disposizione. Se Elkann, Camilleri e Binotto hanno fiducia nel …personale, fanno bene ad andare avanti così.
@beppe84. In effetti le ultime gare del 2019 non sono state entusiasmanti, in una logica Ferrari. L’ottimista può pensare che dopo Suzuka a Maranello abbiano deciso di nascondersi un po’. Il pessimista teme il peggio. Io, se interessa, sono cauto.
@ferrari4ever. Io continuo a considerare bravissimi i meccanici della Ferrari. Poi è vero che nel 2019 alcuni pit stop Rossi non sono stati perfetti. Penso possa dipendere da una organizzazione migliorabile. Ma la professionalità e la passione dei ragazzi non sono in discussione.
@blade spirit. Anzi tutto saluti al piccolo Filippo. La Ferrari schiero’ tre auto per l’ultima volta a Monza76, ottenendo una deroga causa caos post rogo al Ring di Lauda. Ma per regolamento un team non può avere più di due vetture in pista. Sempre per regolamento ogni anno ci sono modifiche da apportare alla vettura, talvolta minime talvolta massicce. Quanto a Leclerc, tornerà a vincere presto ma a me romanticamente non dispiacerebbe se a riportare il titolo a Maranello fosse Vettel per quello che ha dato dal 2015 in poi.
@matteo. Schumi si era affezionato sinceramente a Massa e lo stimava come pilota. Sono stati partner in pista per un anno solo, ma credo sia stato, in carriera, il compagno con cui Michael si è trovato meglio.
@namesurname. Schumi era l’idolo di Vettel ma non ha mai avuto un ruolo nella carriera di Seb, tolto l’incoraggiamento mai fatto mancare. Non c’era alcuna relazione professionale.
@red devil. Simone Resta partecipa anche allo sviluppo dell’auto 2020. E meno male.
@f1wec93. Io adoravo il Mondiale Marche, quando ancora si chiamava così. Ho conservato una collezione dedicata ai trionfi Ferrari del 1972. Ma siamo onesti: fu il Drake a decidere che il futuro Ferrari nelle corse doveva esclusivamente concentrarsi sulla F1. Al momento non vedo imminente una revisione. Quanto al futuro remoto di Vettel, non faccio pronostici.
@rossocorsa. Senza test 22 Gp diventano quasi inevitabili! È chiaro che più gare programmi più i team debbono essere solidi e strutturati. Storie come Wolf o Hesketh non le vedremo più, temo.

(continua. Buon week end)