Carletto and Carlitos (con Ricciardo in McLaren).
E speriamo la Ferrari non faccia le cose alla Carlona.
I due anni di contratto a Sainz confermano una svolta che è anche filosofica.
In dieci anni, a Maranello, si sono fumati Alonso e Vettel.
Zero tituli e io resto sempre del parere che non sia stata una responsabilità dei piloti.
Sainz arriverà con una etichetta che è un auspicio: poca spesa, buona resa.
Ma accostarlo preventivamente a un Barrichello (che pure in Rosso qualcosa ha vinto e ha contribuito a far vincere, ricordare Suzuka 2003) è vagamente ingeneroso.
Io credo che lo spagnolo venga in Ferrari con l’ambizione legittima di giocarsela.
Fermo restando che Leclerc è la chiesa al centro del villaggio.
Carletto e Carlitos non fanno 50 anni in due.
Potrebbero essere figli miei.
Li seguirò con affetto paterno.
Sperando che Binotto, che fin quo in Ferrari da team principal aveva portato giusto la Silvia in comunicazione e il perfido Cola alle strategie, sperando, dicevo, che Bin8 dia loro una Ferrari che non lavora più…alla Carlona.
Ps. “Abbiamo preso batoste perché qualcuno ha lavorato alla Carlona”, Sergio Marchionne, Natale 2014.