Domenica 21 Luglio 2024

Nordcorea-Russia: parla Kim Yong-hyu, esperto di relazioni bilaterali

Roma, 18 giu. (askanews) - Le relazioni tra Russia e Corea del Nord appaiono come una "luna di miele" prolungata a causa della guerra in Ucraina. Ad affermarlo è Kim Yong-hyu, professore del dipartimento di Pubblica Amministrazione di Studi Nordcoreani presso l'Università di Dongguk, mentre il presidente russo Vladimir Putin è atteso per una storica visita a Pyongyang, la prima dal 2000, quando incontrò Kim Jong Il, padre di Kim Jong Un. "Le relazioni speciali tra Corea del Nord e Russia stanno prendendo forma. In particolare, il rapporto di luna di miele tra Corea del Nord e Russia è attualmente prolungato a causa della guerra in Ucraina, e questo (la visita di Putin in Corea del Nord) può essere visto come la versione finale dell'espansione" dice Kim. "Le Nazioni Unite e la comunità internazionale non hanno altra scelta che vedere la relazione tra la Corea del Nord e la Russia in modo diverso. In particolare, perché la Russia intende stabilire relazioni con la Corea del Nord al di fuori delle Nazioni Unite. Penso che ci sia un'alta possibilità che la comunità internazionale veda la Russia in modo negativo". "Le sanzioni a livello di Nazioni Unite vengono attualmente imposte alla Corea del Nord, e c'è la possibilità che le sanzioni Onu possano essere applicate anche alla Russia. Tuttavia, poiché la Cina è dalla parte della Russia e della Corea del Nord, penso che sia meno probabile che ciò diventi realtà. Nella situazione attuale, penso che la comunità internazionale possa provare un certo senso di impotenza poiché non esistono altri mezzi, a parte rafforzare le sanzioni contro la Russia a livello di Nazioni Unite. Ad ora, non penso esista altro metodo se non quello di rafforzare l'alleanza ROK-USA (Corea del Sud- StatiUniti) e di esercitare pressioni diplomatiche sulla Corea del Nord e sulla Russia tramite molto dialogo con la Cina e la comunità internazionale".