Mercoledì 24 Luglio 2024

Matteo Paolillo, dopo "Mare fuori" nuove sfide in cinema e musica

Roma, 18 giu. (askanews) - Matteo Paolillo è stato uno degli attori più amati e uno degli artefici del successo di "Mare fuori" ed ha appena ricevuto al 14° Figari International Short Film Fest il premio Beatrice Bracco. Il riconoscimento è dedicato ai migliori interpreti nazionali di nuova generazione, ed è andato in passato a Alessandro Borghi, Linda Caridi, Salvatore Esposito. Paolillo non parteciperà alla quinta stagione della serie, di cui sono in corso le riprese, ma la sua carriera va a gonfie vele: negli ultimi mesi ha pubblicato un EP, un singolo ed un libro, "2045". "È un inizio d'anno che sembrano 10 anni. Diciamo che l'anno scorso ho preparato moltissime cose, in realtà negli ultimi due anni e poi all'inizio di quest'anno sono uscite tante cose, tra cinema, musica e non solo. È stato bello poi vedere le cose arrivate al pubblico, prendere una completezza, no? Adesso mi sto riorganizzando e sto pensando a cosa fare dopo". Il suo personaggio in "Mare fuori", Edoardo, era molto amato, e Matteo ha firmato anche la canzone della serie, ma per lui è ora di guardare oltre. "Mare fuori mi ha permesso di scoprirmi molto di più come artista, come attore, come cantante, in generale mi ha fatto riflettere su tante tematiche. Tante le ho raccontate tanto in questa serie e quindi mi sto concentrando anche su altre tematiche, su altre cose che voglio raccontare. Quindi penso un po' ai personaggi che voglio raccontare come attore, alle cose che voglio raccontare con la musica, le cose che mi piace scrivere, ho molta più consapevolezza di me stesso" spiega. "Ieri ragionavo su quanto spesso ci si crea una routine, che poi crea una zona confort ed è difficile uscire da lì. E molto spesso non si fa qualcosa che ci può portare alla felicità perché si ha paura dell'ignoto. Sto ragionando su tante cose e su quello che mi piacerebbe raccontare".