Giovedì 25 Luglio 2024

G7, Putin: congelamento asset russi all'estero è un "furto"

Roma, 14 giu. (askanews) - Per il presidente russo Vladimir Putin il congelamento dei beni russi all'estero è un "furto". La mossa di utilizzare gli interessi di questi asset congelati per un prestito da 50 miliardi di dollari, annunciato ieri al G7 in Puglia, è una mossa "non resterà impunita", ha avvertito, in un intervento al ministero degli Esteri russo. Putin ha aggiunto che i paesi occidentali stanno cercando di trovare "una sorta di base giuridica" per i congelamenti "ma nonostante tutti gli inganni, il furto resta un furto e non rimarrà impunito". "I Paesi occidentali hanno congelato parte degli asset russi e delle riserve valutarie. Ora stanno pensando a come fornire almeno una base giuridica per appropriarsene definitivamente. Ma nonostante tutti gli inganni, il furto è pur sempre un furto e non rimarrà impunito". "Ma la questione va ancora più a fondo: rubando gli asset russi, faranno un altro passo verso la distruzione del sistema che loro stessi hanno creato e che per molti decenni ha assicurato la loro prosperità, permettendo loro di consumare più di quanto guadagnano attraverso debiti e obblighi per attirare denaro da tutto il mondo".