Fra le macerie di Kharkiv dopo l'attacco russo: non abbiamo più lacrime