Giovedì 18 Luglio 2024

Cpi: mandato d'arresto contro ex ministro Difesa russo, Shoigu

Milano, 25 giu. (askanews) - La Corte Penale Internazionale ha emesso un mandato d'arresto contro l'ex ministro della Difesa russo Sergey Shoigu e il suo capo di gabinetto, Valery Gerasimov, per gli attacchi contro obbiettivi civili in Ucraina. I reati contestati dalla Procura del Cpi sono crimini di guerra e crimini contro l'umanità. L'Ucraina ha accolto con soddisfazione l'"importante decisione" della Corte Penale Internazionale. Il Consiglio di Sicurezza nazionale russo da parte sua ha definito la decisione "un atto di guerra ibrida" priva di qualunque valore giuridico. "Ogni criminale coinvolto nella pianificazione ed esecuzione di questi attacchi deve sapere che giustizia sarà fatta: questa decisione è una chiara indicazione del fatto che la giustizia per i crimini russi contro l'Ucraina è inevitabile", ha dichiarato il presidente ucraino Zelensky. Shoigu e Gerasimov, recita la sentenza, sono entrambi responsabili del crimine di guerra di aver diretto attacchi contro obiettivi civili e del crimine di guerra di aver causato danni accidentali eccessivi a civili o danni a beni civili, e del crimine contro l'umanità derivante da atti disumani ai sensi dell'articolo 7, paragrafo 1, lettera k), dello Statuto di Roma".