Mercoledì 17 Luglio 2024

Afp chiede a Israele "indagine trasparente" su attacco sua sede a Gaza

Londra, 25 giu. (askanews) - "Vorremmo un'indagine chiara e trasparente sia sull'incidente nel Sud del Libano che su quello avvenuto nel nostro ufficio a Gaza", ha dichiarato Phil Chetwynd, direttore globale del settore notizie dell'agenzia France-Presse, dopo che un consorzio di circa 50 giornalisti di 13 testate ha condotto un'indagine durata quattro mesi su diversi attacchi che hanno coinvolto giornalisti e infrastrutture mediatiche dallo scoppio della guerra a Gaza il 7 ottobre scorso. Nell'indagine appena pubblicata viene indicato che il fuoco dei carri armati israeliani è probabilmente la causa delle esplosioni che hanno danneggiato l'edificio Hajji dove si trova l'ufficio dell'Afp, a meno di un mese dall'inizio dei combattimenti: non ci sono state vittime in quanto il personale aveva evacuato la sede. Ma la sala server dell'ufficio è stata gravemente danneggiata. Su un balcone al piano inferiore, una telecamera dell'agenzia stava riprendendo le immagini in diretta dell'offensiva israeliana nel territorio controllato da Hamas e le trasmetteva agli spettatori di tutto il mondo; e ha ripreso proprio i momenti in cui l'ufficio è stato colpito. Giornalisti ed esperti hanno esaminato gli archivi di queste riprese in diretta, per cercare di determinare la causa dell'esplosione. Cinque esperti consultati hanno affermato che il danno alla sala server è stato probabilmente causato da un carro armato, un'arma che nel conflitto appartiene solo a Israele. "Penso che la France Presse sia molto orgogliosa della sua rete globale e in particolare dei luoghi dove probabilmente è difficile essere o dove non ci sono molte altre persone. Quindi penso che Gaza sia uno di quei luoghi in cui la France presse è davvero necessaria nell'ecosistema dell'informazione. È un luogo di conflitto. È un luogo dove in passato ci sono state diverse guerre e così via. Quindi la gente ha un grande attaccamento alle persone che lavorano lì e al lavoro molto difficile che svolgono" ha detto Chetwynd. "Penso che siamo stati molto chiari con Israele fin dall'inizio. Vorremmo un'indagine molto chiara e trasparente sia sull'incidente nel Sud del Libano che su quello avvenuto nel nostro ufficio a Gaza. Qualsiasi tipo di attacco in cui giornalisti o strutture mediatiche vengono danneggiati o feriti è estremamente grave. Abbiamo davvero bisogno che Israele torni a spiegare qual è la loro politica in merito alle riprese in diretta in luoghi diversi. E se in qualche modo sono visti come obiettivi legittimi, perché ci sono abbastanza prove circostanziali per farci sospettare che sia così che stanno lavorando".