Mercoledì 17 Aprile 2024

Strage in famiglia: la superstite trovata con cellulari vittime

Cominciata autopsia a Palermo. Legali coppia,'lasciamo incarico'

Strage in famiglia: la superstite trovata con cellulari vittime

Strage in famiglia: la superstite trovata con cellulari vittime

Si era addormentata e accanto a sé aveva i cellulari dei fratelli e della madre, probabilmente sottratti ai familiari perchè non chiedessero aiuto. Nella stanza accanto c'erano i cadaveri dei fratelli. E' l'ultimo drammatico particolare emerso sulla 17enne in carcere con l'accusa di aver ucciso, insieme a padre Giovanni Barreca, e ai suoi complici, la madre Antonella Salamone e i due fratelli di 16 e 5 anni Kevin ed Emanuel. Al contrario di quanto riferito in un primo momento la ragazza, unica sopravvissuta alla strage, commessa durante degli esorcismi, non sarebbe stata affatto in stato confusionale all'arrivo dei carabinieri, dopo la confessione del delitto fatta da Barreca. Ma dormiva tranquillamente nella sua stanza. L'adolescente ha confessato il suo ruolo nei delitti ammettendo di aver torturato insieme ai tre indagati, tutti in carcere, i familiari e di aver contribuito a seppellire in giardino i resti carbonizzati della madre. Mentre madre e fratelli morivano, poi, la 17enne avrebbe scambiato decine di messaggi con le amiche. "Rifarei tutto, dovevamo liberali dal diavolo", ha detto ai pm che l'hanno interrogata. Intanto è iniziata nel Policlinico di Palermo l'autopsia sui corpi delle vittime della strage di famiglia ad Altavilla Milicia. A eseguirla il medico legale Davide Albano, il perito nominato dalla Procura di Termini Imerese. I legali della coppia indagata, gli avvocati Vincenzo e Sergio Sparti hanno annunciato lasceranno l'ìncarico: "rimetteremo il nostro mandato - hanno spiegato - per problemi legati all'organizzazione del lavoro del nostro studio". Il medico legale che era stato incaricato da loro come consulente per l'autopsia ha dovuto rinunciare per un problema di incompatibilità con un suo ruolo professionale. Resta nominato, invece, l'architetto Concetto Miccichè, per l'esame su delle ossa umane.