Ruppe croci e minacciò agenti, espulso un marocchino

Decisione del prefetto di Alessandria per pericolosità sociale

Si chiama Enhamel El Mehdi il 23enne marocchino espulso dal prefetto di Alessandria per motivi di pericolosità sociale. Negli ultimi giorni, informa il Viminale in un tweet, lo straniero era stato denunciato per i reati di offesa a una confessione religiosa, rompendo tre crocifissi, e resistenza a pubblico ufficiale. Inoltre, nel corso dell'identificazione in questura, aveva minacciato gli operatori di polizia e la popolazione cristiana affermando di voler vendicare le morti nel conflitto israelo-palestinese.