Sabato 20 Aprile 2024

Ramadan di guerra a Rafah senza luci né dolci

'Come possiamo rispettare il digiuno se siamo già alla fame?'

Ramadan di guerra a Rafah senza luci né dolci

Ramadan di guerra a Rafah senza luci né dolci

E' il Ramadan più difficile di sempre a Gaza. E per Rafah, nel sud della Striscia, ad un passo dall'Egitto, piena di sfollati, non è diverso. La gente lo dice: manca quasi tutto ma soprattutto la tregua in cui molti speravano. L'atmosfera non è quella del solito Ramadan: negli anni passati già una settimana prima fervevano i preparativi, le case si illuminavano di luci colorate, i negozi erano aperti tutta la notte. La gente comprava datteri secchi, dolci, bevande e saponi. Oggi non è così: a Rafah si vive nei rifugi o negli accampamenti di tende in condizioni durissime, lontani da casa e privi di elettricità, gas, carburante e normali cucine. E pesa il dolore per i familiari morti. Non ci sono decorazioni, i prodotti nei negozi costano 10 volte il prezzo normale, non ci sono dolci perché non si trova zucchero al mercato. Una settimana fa, la società di telefonia mobile 'Oreedoo', una delle due società di comunicazione che lavorano nei Territori palestinesi, ha deciso di agire e decorare decine di tende nella zona occidentale di Rafah per rallegrare alcune famiglie. Ha distribuito luci e decorazioni colorate per i bambini: un'eccezione di cui però la gente non ha potuto godere per i raid aerei. "Siamo già costretti a digiunare perché non abbiamo cibo, come possiamo digiunare durante il Ramadan?", dice all'ANSA Waleed Anter, 36 anni, padre di 3 figli, che vive in una tenda vicino al quartiere saudita occidentale di Rafah. Durante la guerra non ci sono state autorità religiose locali a fornire istruzioni alla comunità: le persone - denunciano alcuni - sono state lasciate sole e hanno dovuto decidere in autonomia cosa fare e se possono digiunare o meno. Ma c'è anche un'altra questione che per Ramadan preoccupa la gente: "Se Israele e Hamas faranno una tregua, sarà consentito agli sfollati di tornare alle loro case e vivere in qualche modo in condizioni normali durante il Ramadan?".