Venerdì 21 Giugno 2024

Polizia di Los Angeles e Dea indagano su morte di Matthew Perry

Vogliono capire provenienza chetamina che attore aveva in corpo

Polizia di Los Angeles e Dea indagano su morte di Matthew Perry

Polizia di Los Angeles e Dea indagano su morte di Matthew Perry

Sei mesi dopo la tragica morte di Matthew Perry a Los Angeles, la polizia della città e la Drug Enforcement Administration (Dea) federale hanno aperto un'inchiesta congiunta per appurare come l'attore sia potuto entrare in possesso di tutta la chetamina che gli è stata trovata in corpo e che, secondo l'esame del medico legale, ne avrebbe provocato il decesso. Lo ha appreso l'Hollywood Reporter. Il rapporto del coroner attribuisce agli alti livelli dell'anestetico l'effetto combinato di sovrastimolazione cardiaca e depressione respiratoria che sarebbero stati fatali all'attore di Friends. Si sa che la star di 'Friends' si sottoponeva a infusioni di chetamina per tenere a bada problemi di salute mentale tra cui la depressine, l'ansia e le dipendenze da alcol e droga. L'ultima flebo gli sarebbe stata fatta una settimana e mezza prima della morte e secondo l'autopsia non poteva esser stata quella fatale, dal momento che l'anestetico viene smaltito dall'organismo in tre o quattro ore. Perry è stato trovato morto a faccia in giu' nell'acqua della jacuzzi di casa sua il 28 ottobre. L'attore aveva 54 anni.